SONDAGGIOADEMPIMENTI
provincia di: scegli la provincia Tutte
Torna su
home page > Progetti > AMVA
Seguici su:

Cerca

Cancella
Cancella

Cerca sportello

piu' vicino a te per orientarti nel lavoro

 
Youth Guarantee - Lavoro 2014 Youth Guarantee Novità Incentivi Contratti Salute e sicurezza Politiche sociali

Ultimi tweet

AMVA

Il Programma AMVA (Apprendistato e Mestieri a Vocazione Artigianale) si inserisce nell'area Occupazione e Sviluppo Economico ed ha l’obiettivo di creare nuova occupazione, soprattutto giovanile, nei settori artigianale e della tradizione produttiva italiana.

Far riscoprire agli under 29 – vero target di riferimento - la manualità attraverso una reale esperienza di apprendimento sul campo propone da una parte un valido modello di formazione e dall’altro colma quel mismatch tra domanda ed offerta di lavoro che angustia da tempo il nostro mercato del lavoro.

Il contratto di apprendistato e gli incentivi all’autoimpresa ne sono gli strumenti principali.

Particolare importanza ha assunto la sperimentazione "Botteghe di mestiere". Le Botteghe altro non sono che consorzi di imprese e laboratori artigianali in cui giovani disoccupati o inoccupati potranno svolgere un tirocinio semestrale che fornirà loro le capacità necessarie all’inserimento professionale.

Per avere maggiori informazioni sui contributi previsti per le aziende che accoglieranno i giovani in apprendistato e per i ragazzi tra i 15 e i 29 anni interessati all’apprenditato o ad avviare un’impresa vai nella sezione del portale di Italia Lavoro dedicata all'argomento.

All'interno del Programma AMVA si segnala il Progetto Giovani Laureati Neetche ha come obiettivo quello di realizzare 3 mila tirocini retribuiti di sei mesi a favore dei giovani che non studiano e non lavorano. L’obiettivo è quello di aiutarli nella ricerca di un’occupazione, attraverso un’opportunità che permetta loro di fare un’esperienza concreta in azienda.
Scopri di più sul Progetto Giovani Laureati Neet.



Tirocini in azienda, retribuiti con una borsa mensile, per i giovani che oggi non hanno un lavoro, né continuano il percorso formativo, i cosiddetti NEET.

Neet
(Not in Education, Employment or Training) è una definizione coniata dalla Comunità Europea per mettere in evidenza una condizione che, se prolungata nel tempo, compromette seriamente le possibilità di questi giovani di reinserirsi sul mercato del lavoro, anche quando l’economia sarà in fase di ripresa.

Il Progetto, curato da Italia Lavoro e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, mira ad offrire a 3.000 di questi giovani un percorso di tirocinio di durata  semestrale. L’obiettivo è quello di riavvicinarli al mercato del lavoro e supportarli nella ricerca attiva di un’occupazione, attraverso una concreta esperienza in azienda.

La borsa destinata ai tirocinanti ammonta a 500 € lordi mensili per i tirocini in una delle quattro regioni convergenza (Campania, Sicilia, Puglia e Calabria), 1.300 € lordi mensili per i tirocini in mobilità (in tutte le altre regioni).

Al 31 dicembre 2013, data di chiusura del bando, sono 10.400 le aziende partecipanti (di cui 8.872 provenienti dalle Regioni Convergenza), le quali hanno pubblicato 13.308 vacancies
I giovani che hanno aderito al progetto sono 42.958.

In seguito alla ricerca e alla selezione dei candidati da parte delle aziende, sono state raccolte 15.500 domande di ammissibilità.

Al 24 febbraio 2014 sono state istruite 5.000 pratiche e sono stati attivati 147 tirocini (altri 87 sono in procinto di essere avviati).

Requisiti di partecipazione:

Giovani

L’intervento è dedicato ai giovani che:

  • siano in possesso di laurea in uno di quegli ambiti disciplinari che comportano maggiori difficoltà per l'inserimento nel mercato del lavoro (ovvero i seguenti “gruppi”: geo-biologico, letterario, psicologico, giuridico, linguistico, agrario e politico-sociale)
  • risiedono in una delle quattro regioni convergenza: Campania, Sicilia, Puglia e Calabria
  • abbiano età compresa tra i 24 e i 35 anni (non compiuti)
  • siano  disoccupati e non stiano frequentando percorsi formativi.

Aziende

Possono ospitare tirocinanti aziende appartenenti a tutti i settori economici e con una forma giuridica disciplinata dal diritto privato, comprese le forme cooperative,  e aventi sede operativa nelle quattro regioni convergenza.
Possono candidarsi anche aziende con sede in altre regioni ma con precisi limiti quantitativi (200 tirocini sui 3.000 previsti possono essere realizzati in mobilità territoriale).

Avviso pubblico

- FAQ giovani
- FAQ aziende
- FAQ per candidarsi

Per accedere alla modulistica consultare la pagina apposita dal sito di Italia Lavoro.

Per informazioni: neet@italialavoro.it.