provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Giovani

Il miglior modo per ottenere lavoro nel Terzo millennio è crearlo.

Consolidare e sviluppare la cultura d’impresa tra i giovani è un presupposto indispensabile per creare nuove opportunità di lavoro.

Per favorire la realizzazione delle proprie idee, possono essere utili gli spazi di condivisione forniti dagli incubatori, dove, oltre ad know how specialistico, sono fornite indicazioni sulle modalità di finanziamento disponibili.

Sei un giovane con il sogno di fare impresa? Scopri le agevolazioni che ti aspettano!

Dal 2000 INVITALIA, Agenzia del Ministero dello Sviluppo Economico, promuove con diverse iniziative la creazione di nuove imprese da parte dei giovani. 


Le agevolazioni per l’autoimprenditorialità del Decreto Legislativo 21 aprile 2000 n.185 sono state modificate con D.L. n. 145/2013 , convertito in L. n. 9/2014. Dal 13 gennaio 2016, è possibile accedere alle opportunità di finanziamento di Nuove Imprese a Tasso Zero. Per conoscere come usufruirne, clicca qui.

Dall'1 marzo 2016 è poi attivo il Fondo SELFIEmployment rivolto ai ragazzi iscritti a Garanzia Giovani che possono usufruire di finanziamenti agevolati fino a 50.000 euro per la realizzazione della loro idea imprenditoriale.

Il 2018 inizia con un’iniziativa dedicata al Mezzogiorno: dal 15 gennaio potranno essere inviate le domande per accedere a “Resto al Sud” che prevede un contributo a fondo perduto (35% dell’investimento) e un finanziamento bancario a tasso zero (65% dell’investimento).

Dopo le modifiche della Legge di Bilancio 2019, possono esserne beneficiari i residenti nelle Regioni del Sud con età compresa tra i 18 ed i 46 anni che non siano già titolari di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017 o siano stati beneficiari, nell'ultimo triennio, dalla data di presentazione della domanda, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell'autoimprenditorialità.
Questi giovani possono presentare la domanda di ammissione purché, al momento della presentazione della domanda e comunque successivamente alla data del 21 giugno 2017, risultino già costituiti oppure, entro sessanta giorni (o centoventi giorni in caso di residenza all'estero) dalla data di comunicazione del positivo esito dell'istruttoria, si costituiscano nelle seguenti forme giuridiche: impresa individuale o società (comprese le società cooperative).

Al fine di promuovere forme di imprenditoria in agricoltura, la Legge di Bilancio 2020 ha previsto un’importante agevolazione contributiva in favore dei lavoratori agricoli autonomi e, nello specifico, per i Coltivatori Diretti (CD) e gli Imprenditori Agricoli Professionali (IAP) di cui all’art. 1 del D.Lgs. n. 99/2004.

Tale agevolazione riguarda esclusivamente i giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, con età inferiore a 40 anni, che si iscrivono per la prima volta alla gestione contributiva agricola nel periodo “01.01.2020 – 31.12.2020”.
La durata dell’agevolazione ha durata biennale (in passato era di durata triennale) ed è pari al 100% dell’accredito contributivo presso l’Assicurazione generale obbligatoria (Ago) per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti (Ivs). L’incentivo non è cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente.

Altre risorse per l’autoimprenditorialità giovanile possono pervenire da specifiche leggi regionali, ovvero, dai POR (Programmi Operativi Regionali) predisposti per la realizzazione di azioni finanziate dai fondi strutturali.

 

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: