provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Istruzione e formazione

L’Unione Europea si è posta l’obiettivo generale di “contribuire, attraverso l'apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza, con uno sviluppo economico sostenibile, nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale, garantendo nel contempo una valida tutela dell'ambiente per le generazioni future”.

L’Italia partecipa attivamente al Longlife Learning Programme.

Con la Programmazione europea 2014-2020 per il miglioramento del sistema educativo e formativo degli Stati membri, il nuovo programma Erasmus+ combina tutti gli attuali regimi di finanziamento dell’Unione nel settore dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, compreso il programma di apprendimento permanente (Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius, Grundtvig), Gioventù in azione e cinque programmi di cooperazione internazionale (Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione con i paesi industrializzati).

Considerato il ruolo fondamentale che la formazione e l’istruzione rivestono nel percorso personale di apprendimento, l’Europa, inoltre, ha avviato Youth Guarantee, un programma per favorire l’occupabilità e l’avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro. 
Il piano italiano di attuazione del programma europeo è volto ad assicurare ai giovani con meno di 25 anni un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio o altra misura di formazione, entro 4 mesi dall'uscita dal sistema di istruzione formale o dall'inizio della disoccupazione. 
Garanzia Giovani ha l’obiettivo di offrire una risposta ai giovani che ogni anno, dopo la conclusione degli studi, si affacciano al mondo del lavoro; in tal senso è previsto uno sportello dei Servizi per l'Impiego dove concordare un percorso personalizzato per l'inserimento lavorativo o di formazione professionale.

Questo è il quadro internazionale in cui si colloca il ruolo della formazione.

Analizziamo, ora, da vicino quali sono le tipologie di apprendimento previste e disciplinate  nel nostro sistema scolastico. Abbiamo:

  • Apprendimento permanente: consiste nello svolgimento di qualsiasi attività intrapresa dalle persone in modo formale, non formale e informale, nelle varie fasi della vita, al fine di migliorare le conoscenze, le capacità e le competenze in una prospettiva personale, civica, sociale e occupazionale
  • Apprendimento formale: si attua nel sistema di istruzione e formazione, nelle università e nelle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica.  Si conclude con il conseguimento di un titolo di studio, di una qualifica, di un diploma professionale - anche in apprendistato - o di una certificazione riconosciuta
  • Apprendimento non formale: si realizza in ogni organismo che persegua scopi educativi e formativi, anche del volontariato, del servizio civile nazionale e del privato sociale e nelle imprese
  • Apprendimento informale: si realizza nella vita quotidiana e nelle interazioni che in essa hanno luogo, in ambito lavorativo, familiare e del tempo libero.

Ciascun percorso evidenziato comporta, a conclusione dello stesso, l’attribuzione di un titolo. È previsto, a riguardo, un  sistema pubblico nazionale di riconoscimento dei titoli di istruzione e formazione, nonché delle qualificazioni professionali; questo sistema definisce gli standard di certificazione delle competenze acquisite in contesti formali, non formali ed informali; i criteri per la costituzione e l’aggiornamento del repertorio nazionale dei titoli di istruzione e formazione e delle qualificazioni professionali; le modalità di registrazione delle competenze certificate, anche con riferimento all’utilizzo del libretto formativo.

La certificazione delle competenze spetta ad “enti titolati” -  soggetti pubblici o privati in possesso di autorizzazione o accreditamento regionale, comprese camere di commercio, scuole, università e istituzioni formative - che attingono da un repertorio pubblico delle professioni, dove sono elencate tutte le possibili competenze.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: