provincia di: Tutte
Seguici su:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Normative >

CV in inglese. Serve aiuto?

Il mercato del lavoro, in particolare negli ultimi anni, ha assunto una dimensione sempre più globale ed europea.

La crisi occupazionale e il contemporaneo ampiamento dei confini professionali al contesto europeo e internazionale spingono sempre più italiani a cercare lavoro oltreconfine. Un’opportunità per ampliare le proprie competenze e scommettere sul proprio futuro.

Il numero di lavoratori qualificati e laureati che decidono di intraprendere una carriera professionale all’estero è in costante aumento. A tentare questo tipo di esperienza sono in particolare i giovani neolaureati.

In questo contesto assume sempre più importanza la capacità di interagire autonomamente e professionalmente con le aziende straniere.

Ed è proprio a questo punto che, molto spesso, sorgono le prime difficoltà. Come redigere un Curriculum Vitae “appetibile” per un’azienda straniera? Che tipo di lettera di presentazione si aspettano di leggere i datori di lavoro? Quali sono gli errori da evitare per non essere esclusi anche dalla semplice lettura del CV?

Per dare risposta a queste domande, con il prezioso supporto di esperti madrelingua inglese, abbiamo approfondito le regole di scrittura del CV e della lettera di presentazione (cover letter).

In particolare abbiamo raccolto alcuni consigli e dettagli pratici, utili per presentarsi in modo adeguato e non sprecare importanti opportunità di lavoro.

Il primo passo per poter lavorare all’estero è quasi sempre la preparazione di un CV in inglese. Una premessa è d’obbligo: non basta una semplice traduzione letterale di quello in italiano.

Innanzitutto è fondamentale che il testo sia grammaticalmente e sintatticamente corretto. A breve vedremo alcuni tipici errori di traduzione e scopriremo quali siano le forme corrette di scrittura del proprio CV.

Partiamo però da un semplice decalogo sul quale basarci per fare una buona prima impressione sul datore di lavoro straniero che leggerà il nostro CV: 
  • Stampa il tuo CV su un foglio bianco A4, in questo modo avrai un’anteprima di quello che vedrà il selezionatore
  • Usa una font uniforme in tutto il CV. Evidenzia con il grassetto e con lettere più grandi i titoli e i punti salienti
  • Personalizza il tuo CV per il lavoro a cui ti stai candidando. I selezionatori si accorgono facilmente se il CV che hanno ricevuto è generico e non targettizzato
  • Usa elenchi puntati e frasi molto brevi per rendere più semplice al selezionatore l’individuazione dei punti chiave del tuo CV
  • Utilizza un linguaggio attivo e incisivo invece di forme passive. Esempio: “involved in the promotion of the company at industry events” è meglio renderlo con “promoted the company at industry events”. Ha l’effetto di metterti nella posizione di “chi fa”, invece di chi è solamente coinvolto in qualcosa che anche altre persone fanno
  • Non rendere il tuo CV una semplice descrizione di un elenco di lavori. Bisogna “vendere” i propri successi individuali. Esempio: “using specialist software, closely monitored sales trends and stock levels, and ordered stock appropriately. This reduced out of stock instances by 21% in 2011”
  • Presenta i tuoi lavori e le tue esperienze partendo dalla più recente alla più lontana
  • Fai leggere il tuo CV ad un’altra persona, non fidarti dei correttori automatici dei programmi di scrittura, possono tralasciare diversi errori. Un esempio: a stakeholder (parte interessata) isn’t thesame  as a steak-holder (porta-bistecche). Un correttore automatico non segnalerà l’errore
  • Le foto sul CV sono essenziali solo per lavori come la modella o l’attore
Parliamo ora di alcune capacità che, se inserite correttamente nel proprio CV Inglese, possono colpire positivamente il selezionatore: le Soft Skills.

Per soft skills intendiamo quelle competenze “trasferibili” che possono essere utilizzate in diversi posti di lavoro, consentendo adattabilità e flessibilità. Sono abilità che un individuo sviluppa da lavori precedenti, progetti, volontariato, sport, vita quotidiana, hobby e interessi particolari. Non bisogna aver paura di elencare le proprie soft skills, anche se non provengono direttamente da esperienze di lavoro o di formazione.
Quali sono le soft skills? Come posso descriverle nel mio CV? Scarica l’approfondimento dedicato.


Altro concetto fondamentale per poter produrre un CV inglese corretto e pertinente è la differenza di significato tra Abilities, Achievements e Responsibilities.

Tendiamo ad attribuire a queste tre parole lo stesso significato generico. E’ un errore che può generare incomprensioni con il selezionatore che legge il nostro CV.

Ecco le differenze tra i termini:
  • Abilities - sono capacità o talenti naturali o acquisiti. Elencali dando dettagli specifici su come li hai acquisiti e su come li hai utilizzati
  • Achievement - è un traguardo, un successo che appartiene unicamente a te. L’achievement è qualcosa che ti permette di risaltare rispetto ad altri che magari hanno esperienze e abilità molto simili alle tue
  • Responsibilities - sono quelle funzioni che chiunque avrebbe avuto nel ruolo che hai ricoperto.

Esempio:

“Researching and writing articles for a company newsletter” è una responsibility.
“Devised and implemented the introduction of a company newsletter, improving staff morale and communication throughout the organization” è un achievement.

Ecco un CV reale di una cittadina inglese.

NB: Notare l’uso di “verbal phrases” invece di frasi vere e proprie e la coerenza nel formato: in ogni sezione si utilizzano o tutti i verbi al Past Participle (Achieved, worked, acted) oppure tutti in Gerund (verbo+ing).

Altri esempi di CV in inglese:
  • CV studente/neolaureato: mette in risalto soprattutto le competenze sviluppate durante gli studi ed applicabili al mondo del lavoro.
  • CV “Functional”: è basato sulle competenze e può essere utile se si è alla ricerca di un cambiamento di carriera professionale perché si focalizza sulle proprie competenze ed esperienze trasferibili (le soft skills)
  • CV “Performance”: è il tipo più popolare di CV. Sottolinea ruoli ricoperti e nomi di aziende. Inizia di solito con una sezione "Achievements", che evidenzia risultati di rilievo che possono distinguere il candidato dalla media
La cover letter, ovvero lettera di presentazione, è spesso richiesta esplicitamente dai datori di lavoro, soprattutto all’estero. Si tratta di un “completamento” del CV, una sorta di introduzione. Il primo contatto che il selezionatore ha con noi. Non deve essere un semplice riassunto del CV, ma un valore aggiunto, un mezzo per “rompere il ghiaccio” e far capire a chi la legge il nostro interesse per la posizione di lavoro in questione.
Vediamo ora, seguendo i consigli di madrelingua inglesi, come strutturare una cover letter corretta e completa.

1. Starting paragraph
  • Indirizza la cover letter ad una specifica persona. Individua il nome del selezionatore o del responsabile del dipartimento per il quale vuoi lavorare. Se stai rispondendo ad un annuncio, indirizzala alla persona citata nel testo.
    In entrambi i casi fai attenzione allo spelling corretto del nome e all’appellativo: Mr (Signor), Mrs (Signora), Ms (per donne, non dà indicazioni sullo stato civile), Dr (si usa solo per i medici).

    e.g:
    Dear Mr Smith (UK)  Dear Mr. Smith (USA)
          Dear Ms Watts (UK)  Dear Ms. Watts (USA)

  • Spiega il motivo per cui stai scrivendo.
    Evita di iniziare con “I’m writing…”. Affermi una cosa ovvia.
    Se stai rispondendo ad un annuncio sii chiaro sul ruolo per cui ti stai candidando.

    e.g: Re: Hospitality Manager Vacancy, ref 234hosp
    Please find enclosed a copy of my CV in response to the advert for the vacancy advertised in the Manchester Evening News  on 21st October 2012.

    Se non ti stai candidando ad un annuncio specifico sii chiaro sulla tipologia di lavoro che stai cercando.

    e.g: Do you currently have any openings in your HR department, particularly in recruitment and selection?

       
  • Dimostrati entusiasta e motivato.
    Spiega perché pensi di essere la persona giusta per l’azienda, cosa ti rende così fortemente motivato nei confronti di questo particolare lavoro.

    e.g:
    I feel that my sales and recruitment experience would be a valuable asset in this role.

2. Middle paragraph

  • “Vendi” bene le tue competenze e i tuoi successi.Mettiti nei panni del selezionatore. Pensa come lui. Quale combinazione di qualità, esperienza, qualifiche e capacità ti può impressionare? Dagli prova di possedere le qualità che richiedono.

    e.g: This experience, combined with my Degree in Business Studies, has provided me with broad-ranging skills.

  • Descrivi cosa puoi fare per loro.
    Presenta le tue skills in maniera da rendere evidente come l’azienda possa trarre beneficio dalla tua assunzione. È possibile ottenere questo risultato tagliando drasticamente il numero di volte in cui si una la parola “I” e aumentando il numero di volte in cui usi “you” e “your company”.

    e.g:
    Building up the client base of Acme in Chester taught me about the particular importance of effective marketing in making a success of a new business. I hope this experience can help your Company to become one of Manchester’s leading appliance distributors.

  • Parla la loro lingua.
    Dai un’occhiata al sito dell’azienda, agli annunci di lavoro e a tutte le altre comunicazioni che fanno per provare a capire quale tipologia di linguaggio utilizzano normalmente.

3. Signing off

  • Tira le somme.
    È importante congedarsi dal selezionatore lasciando un’impressione positiva e mettendo in chiaro cosa ti aspetti che succeda dopo.

    e.g:
    I would welcome the opportunity to discuss my experience with you in more detail and look  forward to hearing from you in the near future.

Di seguito alcuni esempi di cover letter errate e corrette:


Fonte dei documenti: nationalcareersservice.direct.gov.uk

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: