provincia di: Tutte
Seguici:

Austria

Come trovare lavoro e candidarsi

Le offerte di lavoro sono reperibili dagli annunci sui giornali (soprattutto nelle edizioni del fine settimana), dal Servizio per l’Occupazione (Arbeitsmarketservice – AMS), attraverso agenzie di collocamento private o annunci pubblicati su internet. Prima di inviare il CV, è bene contattare i potenziali datori di lavoro per telefono o e-mail, e verificare se tale posizione sia ancora aperta. È pratica comune, comunque, inviare il proprio CV anche ad aziende che non hanno pubblicato annunci di lavoro. In caso di colloquio è buona norma portare una copia del proprio CV e documentazione sui precedenti posti di lavoro. La documentazione per la candidatura deve essere redatta in tedesco, salvo diverse indicazioni presenti nell’annuncio e comprendere lettera di presentazione, CV, certificazioni (maturità, laurea, attestazione di partecipazione a corsi), lettera di referenze.

Domanda e offerta di lavoro

I settori trainanti che impiegano la maggioranza della forza lavoro sono il manifatturiero, il commercio all’ingrosso e al dettaglio, la riparazione di veicoli e di beni di consumo, i servizi legati all’immobiliare a al commerciale, l’edilizia e i servizi sociali e sanitari. Si registra un calo di offerta di lavoro tra le professioni legate al turismo stagionale (camerieri, cuochi, personale di cucina e di sala), lavoratori ausiliari, commercio all’ingrosso e al dettaglio (soprattutto per le donne), autisti, pulizia, lavori d’ufficio, operai edili. Tendenzialmente si registra una disoccupazione più alta tra i lavoratori con un livello d’istruzione limitato alla scuola dell’obbligo e con scarsa specializzazione.

Contratti di lavoro

Un contratto di lavoro può essere siglato per iscritto, verbalmente o implicitamente. I contratti di apprendistato devono essere stipulati per iscritto. Se non avviene una stipula di contratto per iscritto, i lavoratori ricevono una dichiarazione di termini e condizioni (dienstzettel) immediatamente all’inizio del rapporto di lavoro. Il dienstzettel deve contenere tutte le informazioni necessarie al lavoratore: data di inizio e fine del rapporto di lavoro, sede, classificazione, stipendio base, eventuali bonus, ferie annuali, normale orario di lavoro, indicazione del contratto collettivo a cui si fa riferimento, entità del preavviso.

Procedure per l'ingresso nel Paese

Entro tre giorni dal trasferimento in una casa è obbligatorio registrarsi presso l’autorità competente. Si può rimanere in Austria per un massimo di tre mesi senza ulteriori formalità (rimane necessario possedere un documento d’identità valido). Se si desidera rimanere più a lungo è necessario avere l’assicurazione sanitaria e fondi sufficienti per potersi mantenere ed essere in grado di dimostrare di avere un lavoro o di essere in fase di formazione. L’autorità competente deve essere informata entro 4 mesi dall’arrivo in Austria, per emettere un titolo di soggiorno (anmeldebescheinigung). I cittadini UE possono anche richiedere un lichtbildausweis für EWR-Bürger (documento di riconoscimento con foto) che vale come documento di identità.

Trovare un alloggio

Si possono trovare informazioni sugli alloggi disponibili sui giornali, presso agenize immobiliari e sui vari siti web (anche delle amministrazioni locali). I rapporti con i proprietari di casa sono generalmente regolati dal “Landlord and tenant act” (mietrechtsgesetz), che categorizza le abitazioni a seconda dei servizi che offrono, stabilendo i limiti massimi per gli affitti, i periodi di preavviso e altro. Prima di firmare un contratto di locazione è bene rivolgersi ad un’associazione di tutela del consumatore come l’Associazione Inquilini (mietervereinigung) o l’Associazione per la Protezione dei Consumatori (Verein fur konsumenteninformation).

Redditi e regime fiscale

L’imposta sul reddito sul lavoro dipendente è chiamata lohnsteuer (imposta sui salari) e dipende dal reddito imponibile ricevuto in un anno dal lavoratore. Tale imposta è detratta dallo stipendio alla fonte e pagata direttamente dal datore di lavoro agli uffici competenti. Questa detrazione è un anticipo sulla tassa annuale dovuta dal cittadino. Solo con la dichiarazione dei redditi di fine anno tale detrazione verrà rimborsata parzialmente o integrata. I contributi previdenziali devono essere pagati sia dal datore di lavoro sia dal lavoratore, tranne per l’assicurazione infortuni che è interamente a carico del datore di lavoro. Ulteriori informazioni sono disponibili presso l'Agenzia delle Entrate e dal Ministero federale delle Finanze.

Sicurezza sociale e assicurazioni

Il sistema di sicurezza sociale copre i seguenti casi: malattia, cure preventive, inabilità al lavoro, invalidità, maternità, disoccupazione, vecchiaia, morte di un capofamiglia, pensioni di reversibilità, assistenza infermieristica e la povertà. L’assicurazione sociale è obbligatoria per i lavoratori dipendenti e viene automaticamente detratta dallo stipendio mensilmente.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: