provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Basta curriculum, da oggi si inviano idee con Just Knock

Trovare lavoro non grazie al semplice invio di un Curriculum Vitae, ma approcciando in maniera subito operativa: è questo lo spirito innovatore di Just Knock, startup che opera nel settore del recruiting, ponendosi come novità assoluta nel mercato del lavoro attuale. “La piattaforma digitale nasce nel 2015 - racconta Marianna Poletti, Ceo e Founder di Just Knock - con l’obiettivo di permettere alle persone in cerca di un lavoro di candidarsi in modo unico, mostrando alle aziende direttamente il proprio reale potenziale, che spesso è nascosto dietro asettici curriculum”. Just Knock trasforma quindi impersonali annunci di lavoro in coinvolgenti sfide professionali, permettendo così agli utenti di candidarsi inviando subito un’idea di lavoro e non il classico CV. “Attraverso il nostro modello il candidato ha la possibilità di immedesimarsi – spiega Poletti - e di raccontare come si comporterebbe se fosse lui stesso a ricoprire la posizione ricercata, risolvendo così una sfida tipica del ruolo”.

La piattaforma rispetta ampiamente la privacy di tutti, in modo da non subire eventuali “pregiudizi”. “Just Knock infatti – dichiara il Ceo - prevede che le aziende effettuino la prima valutazione online sul progetto presentato, senza poter vedere l’identità di chi ci ha lavorato sopra. In questo modo permettiamo al talento e alla meritocrazia di emergere senza essere condizionati da pregiudizi più o meno interiorizzati. Naturalmente i candidati sono sempre tutelati anche in merito alle loro idee, perché le aziende si impegnano preliminarmente da contratto a rispettare la proprietà intellettuale dei progetti inviati”.

La trasparenza nel settore, a volte anche delicato, del lavoro è un punto di forza della realtà online innovativa: infatti, per ogni offerta di lavoro sono sempre visibili in chiaro tutti i requisiti richiesti dalle aziende e i dettagli della posizione ricercata, quali retribuzione, inquadramento ed eventuali benefit offerti dall’azienda. E non solo, perché chi si candida attraverso il portale riceverà sempre un feedback al proprio progetto, positivo o negativo che sia. In questo modo non ci saranno più fastidiose situazioni per cui chi manda un curriculum poi non riceve alcuna risposta dal datore di lavoro.

Il nome Just Knock, letteralmente “basta bussare” chiarisce senza ombra di dubbio la natura informale, ma efficace, del "prodotto": “Con questa espressione amicale abbiamo voluto trasmettere positività – afferma Poletti - e soprattutto incoraggiare i candidati nell’esercizio dell’intraprendenza. In un mercato del lavoro molto competitivo come quello attuale, per emergere fra le pila di curriculum ricevuti bisogna sapersi mettere in gioco in modo differente”. E ricevere un’idea al posto del mero CV porta grandi vantaggi anche sul lato aziende. “In termini di talent scouting infatti avviene uno screening naturale dei candidati su base motivazionale – evidenzia la fondatrice - poiché solo quelli realmente motivati si impegnano nella realizzazione e invio del relativo progetto. In questo modo riduciamo il numero di candidature non in linea dell’80% circa, abbattendo il cosiddetto CV spamming. Basti pensare che in media arrivano solo 30 progetti per proposta di lavoro”. “Lavoriamo molto anche sul fronte immagine aziendale – aggiunge Poletti -, dato che Just Knock realizza delle vere e proprie strategie creative di employer branding, rendendo le imprese più attrattive tramite campagne di comunicazione sui social network, dove possiamo contare su una community di oltre 65mila persone”.

Futuro ambizioso per Just Knock, che dopo lo sviluppo in Italia, che ha portato a raggiungere la quota di 70 aziende clienti (soprattutto multinazionali, ma anche alcune Pmi col desiderio di innovare i propri processi e startup in cerca dei giusti elementi per creare il proprio team di lavoro) prevede prossimamente l’approdo in Spagna, territorio già recentemente esplorato. “Le opportunità non mancano – conclude Poletti -, perché a livello internazionale non esiste nulla di simile a noi. Sul fronte interno poi abbiamo intenzione di sviluppare sempre più il nostro blog, che riporta articoli a tema HR e innovazione, news dal nostro team e attività interessanti, perché vogliamo offrire ai nostri utenti contenuti di formazione, consigli utili per il mondo del lavoro e altro ancora”.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: