provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Heply, la prima "happy company" che cambia l'approccio al mondo del lavoro

Si può essere felici sul lavoro? Quanto impatta sulla produttività? Heply è la prima “happy company” che “ridisegna l’approccio al mondo del lavoro in modo rivoluzionario, facendo leva sulla cultura della positività”. Fondata a gennaio 2019, da Andrea Virgilio, 31 anni, l’azienda negli ultimi mesi ha raddoppiato il numero degli appartenenti al team, passando da 8 persone a quasi 16 in meno di un anno. Età media dei dipendenti: 29 anni. L’azienda è nata con il supporto di Timenet, azienda nazionale di telecomunicazioni, che è socia di Heply. Heply realizza software per i propri clienti, sviluppa e rivende anche progetti software di proprietà tra i quali, ad esempio, Hello James (per la misurazione della customer satisfaction) e Habitus (servizio integrato per le aziende per aiutare i collaboratori ad assumere abitudini che migliorino la qualità della vita privata e professionale).

“Avere collaboratori felici significa avere un team motivato e fortemente coinvolto nella missione aziendale - spiega Andrea Virgilio, AD e CHO (Manager della Felicità) di Heply -. E un lavoratore è felice quando si sente appagato professionalmente e quando lavora su qualcosa che gli piace, all’interno di un ambiente positivo, sereno e stimolante”.

Non è una novità che la soddisfazione e la serenità dei dipendenti aumenti la produttività perché il lavoro più motivato e creativo porta a risultati performanti anche nel breve periodo. Grandi aziende, come Microsoft, Ikea, Google, hanno aperto la strada in questa direzione, con iniziative mirate al benessere del personale. Ora, anche realtà più piccole come Heply seguono l’esempio.In Heply crediamo in qualcosa che va oltre lo stipendio, i programmi di welfare e i benefit aziendali – spiega Virgilio -. Offriamo ai nostri collaboratori un plus che non è monetizzabile: un ambiente di lavoro felice, dove potersi sentire sempre a proprio agio, apprezzati e motivati, un luogo in cui ogni mattina si è contenti di andare. Sono convinto che il successo di un’azienda passi attraverso la felicità, la soddisfazione e il coinvolgimento dei membri del team”.

Ma lavorare sulla felicità non vuol dire essere felici tutti i giorni. Virgilio ha preso consapevolezza del fatto che, all’interno di un’azienda, per ottenere traguardi propri o di gruppo occorre considerare anche l’impatto emotivo necessario per raggiungerli.

“Occorre fornire spesso feedback ai colleghi, creare un circolo virtuoso dell’errore, fare sessioni di team building con coach esterni, lavorare sulla qualità del clima aziendale, creare percorsi per responsabilizzare le persone”.

Come si traduce in azienda la felicità? Con il rispetto di ogni persona, contratti di lavoro adeguati, la possibilità di esprimere idee e critiche costruttive con la garanzia di essere sempre ascoltati, valori aziendali veri, condivisi e apprezzati, la libertà di gestire la propria quotidianità lavorativa e la possibilità di avere il giusto tempo da dedicare a famiglia e vita personale, opportunità di crescita sempre nuove, un lavoro di squadra efficace e un luogo di lavoro confortevole e informale. Per ogni nuovo arrivato c’è il “kit di benvenuto” brandizzato, con materiale di cancelleria, borraccia, tazza, maglietta e felpa Heply per sentirsi fin da subito parte del team. Acqua e caffè sono a disposizione di tutti. Gli ambienti di lavoro sono lo specchio di questa filosofia: gli spazi sono organizzati per garantire le migliori condizioni lavorative possibili.

“Abbiamo cercato di trasferire anche nei nostri uffici il concetto di felicità. Questo è stato possibile tramite l’ausilio di postazioni motorizzate che consentono di lavorare in piedi, schermi e sedie predisposti per lavorare a lungo sul computer riducendo il più possibile l’affaticamento. Ogni postazione è dotata di un portatile che rende possibile spostarsi in altre stanze o su altri tipi di seduta per lavorare (sedie, divani, pouf).”

In Heply, esiste un coach motivatore con il quale confrontarsi liberamente, che opera per il team building, supporta la crescita del gruppo e con costanza testa i livelli di felicità aziendale tramite indagini di gradimento anonime.

Anche la formazione gioca un ruolo importante sia attraverso la partecipazione a corsi di specializzazione lungo tutto il corso dell’anno, sia a livello interno: ogni due settimane appuntamento imperdibile è l’“Heply Hour”, un’ora in cui ogni collaboratore, a turno, spiega agli altri un argomento utile per la crescita professionale di tutti, dinamica fondamentale per creare consapevolezza sul lavoro altrui all’interno del team. Inoltre, vengono erogati corsi di formazione all’esterno. “Al momento i corsi che facciamo sono tutti gratuiti perché riteniamo che sia fondamentale fornire formazione di qualità a chiunque sia desideroso di apprendere per migliorarsi e progredire nella sua vita professionale e personale. Consente anche a noi di diventare più bravi in ciò che insegniamo, perché siamo costretti ad impararlo ed interiorizzarlo. Invece, nel caso di aziende che vogliano effettuare un percorso più strutturato, definiamo un progetto ad hoc che, prevedendo un nostro impegno più consistente, richiede un investimento economico”.

In Heply, non solo i luoghi di lavoro sono a misura di persona ma anche i tempi. Il tempo di lavoro si spezza in modo attivo, con una partita a calcetto, playstation o freccette. E infine, per scaricarsi della giornata lavorativa, perché non approfittare di una bella partita con i colleghi a “nerf”, le pistole con proiettili gommosi.

“Siamo appena partiti - conclude Virgilio - ma siamo già al lavoro per definire dei percorsi di crescita individuali e di gruppo, perché sono entrambi elementi fondamentali e indissolubili. Questo percorso di consapevolezza sta creando radici profonde che si basano sul rispetto e sulla condivisione dei valori (non quelli aziendali, i valori comuni di ogni individuo). Questo ci consentirà di essere più resilienti agli imprevisti e di avere la forza di reagire coordinati per raggiungere gli obiettivi. Per noi questa è la felicità”.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: