provincia di: Tutte
Seguici su:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Integrazione lavorativa: il progetto "Altrove"

Con il suo linguaggio universale, il cibo è in grado di favorire la tutela delle diversità, avvicinare le persone e creare momenti di confronto e contaminazione sociale e culturale: proprio da questa premessa nasce “Altrove”, un bistrot di grandi prospettive che combina etica, multiculturalismo, integrazione sociale e profitto.

Chiamarlo “ristorante” in realtà è riduttivo: Altrove è l’ultimo gradino di un percorso culturale attivato da una onlus – il Centro d’informazione e di educazione allo sviluppo (CIES) – che attraverso il suo centro di aggregazione giovanile MaTeMù ha deciso di mettere alla prova ragazzi in condizione di esclusione sociale. Il percorso è proseguito con il progetto di formazione sulla gastronomica intercultural "MaTeChef", che dal 2015 realizza percorsi di formazione gratuiti per le fasce più svantaggiate della popolazione giovanile residente in Italia. Tra loro ci sono rifugiati, richiedenti asilo, italiani di seconda generazione, minori non accompagnati, tutti uniti dalla comune passione per la cucina.

Formazione professionale, inserimento lavorativo, ma anche integrazione sociale e autonomia: sono questi gli obiettivi che ispirano la nascita di quest’impresa ristorativa nata nel quartiere romano Ostiense.

 

Non solo degustazione di buon cibo ma anche il luogo di formazione e training on the job

Progetti come Altrove hanno un valore in più proprio a partire dal loro intento: mettere in circolo la dignità attraverso il lavoro. Il cuore dell’iniziativa è legato alla possibilità di inserire i ragazzi in un tessuto sociale.

Gli studenti, dopo aver concluso l’intero ciclo di formazione in aula, hanno la possibilità di accedere ad un percorso di training on the job retribuito, da svolgere presso il ristorante o presso altre importanti realtà romane aderenti al progetto.

I destinatari sono giovani vulnerabili, migranti o figli di immigrati tra i 16 a i 24 anni.

Nei piatti c'è un continuo, seppur misurato, riferimento alle tradizioni che ognuno dei ragazzi porta con sé, a rimarcare che l'obiettivo è quello di incoraggiare la contaminazione ma, al contempo, senza sradicare la loro cultura di origine. E non poteva essere scelto motto più illuminante: “Porte aperte al mondo” (con il richiamo alle porte che campeggia in tutto il locale). 

 

Un’attività didattica articolata in lezioni teoriche e pratiche

I moduli teorici sono finalizzati all’ottenimento degli attestati HACCP e di sicurezza sul lavoro, oltre all’acquisizione di conoscenze basiche della gestione ristorativa. Le lezioni pratiche, invece, si svolgono in cucina, nel laboratorio di pasticcieria e in sala. C’è di più: un modulo di approfondimento è dedicato alla sperimentazione di ricette innovative e “interculturali” proprio per abbinare le tradizioni dei paesi d’origine dei partecipanti agli elementi di innovazione propri della cucina contemporanea.

 

Ad oggi sono circa 30 i giovani formati e collocati a lavoro

Altrove è un’impresa ristorativa come le altre e, come tale, dovrà essere competitiva e allettante. Ma soprattutto dimostra di essere un’impresa sociale che si rivela un modello economico sostenibile e utile, orientato a: creare posti di lavoro in cui i diritti dei dipendenti o dei tirocinanti siano rispettati; proporre ai clienti prodotti provenienti da aziende agricole responsabili; generare profitti che verranno reinvestiti nelle attività sociali del CIES; assumere giovani in difficoltà il cui percorso professionale viene seguito da vicino. 

Il progetto è stato finanziato da Costa Crociere Foundation, col contributo dell’8xmille della Chiesa Valdese e il patrocinio del Municipio VIII di Roma Capitale.

Guarda il video che ha portato alla nascita del progetto Altrove.

 

Sei impegnato nella costruzione del tuo percorso lavorativo e vorresti poter ampliare le tue informazioni su come prepararti al meglio?  Nel contenitore di Cliclavoro le “Storie Di Successo” raccogliamo le testimonianze di chi “ce l’ha fatta” o di chi sta portando avanti il proprio progetto professionale. Troverai una serie di consigli, guide pratiche, interviste!

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: