provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

La realtà aumentata entra nel mondo del lavoro

La linea sottile tra scienza e fantascienza si sta affinando sempre di più. Cose che un tempo sarebbero state appellate come magiche, oggi hanno il sapore del reale. Anche le dimensioni in cui viviamo assumono altre prospettive e il terzo occhio che in passato era peculiarità di uomini predestinati, può diventare appannaggio di tutti, basta possedere un dispositivo dotato di fotocamera. Probabilmente sono ancora pochi coloro che hanno consapevolezza delle potenzialità della realtà aumentata, mentre i big dell’economia da Apple a Microsoft fino a Facebook stanno investendo molte risorse in questa tecnologia che ci sta già cambiando la vita. Dal campo dell’istruzione a quella del lavoro, dal turismo all’ambito medico-chirurgico sono infinite le possibilità di applicazioni dell’ Augmented Reality o AR.

La realtà aumentata sovrappone contenuti digitali alla normale esperienza visiva. Applicata in ambito aziendale accresce l’efficienza dei processi, la produttività e la qualità di prodotti e servizi. Il mondo del lavoro ne esce rivoluzionato. Dal settore della logistica all’amministrazione, dal marketing alle vendite e alla comunicazione, ogni processo diventa più immediato e veloce grazie all’interazione uomo - macchina resa possibile dalla nuova tecnologia AR. La realtà aumentata offre la possibilità di accesso all’informazione in modo innovativo, proprio nel luogo dove serve, permettendo al fruitore di interagire. E ancora, aggiunge informazioni virtuali alla visione reale, l’arricchisce con elementi quali immagini, suoni, widget tant’è che l’utente, attraverso l’utilizzo di dispositivi AR come caschi, occhiali, lenti a contatto, smartphone e console di gioco, percepirà la presenza di oggetti reali e virtuali nello stesso spazio, quasi a sovrapporsi. Netta è la differenza con la realtà virtuale che richiede una totale immersione in un mondo artificiale creato dal computer.

Se fino a qualche tempo fa si discuteva di tecnologia AR solo in relazione al settore del gioco, ora è pronta per essere impiegata negli ambienti produttivi contribuendo a migliorare i processi aziendali. La realtà aumentata ha già dato prova di migliorare le prestazioni di processi e delle persone, nonché di abbattere i costi. Numerose ricerche hanno dimostrato l’efficacia dell’AR se applicata alle operazioni industriali. Il supporto delle istruzioni in realtà aumentata permette ai tecnici di portare a termine un compito in maniera più rapida e con meno possibilità di errori.

Gli ambiti d’impiego di questa avanzata tecnologia sono molteplici e di notevole supporto a tutte quelle attività che si svolgono all’interno degli stabilimenti, dalla manutenzione al training, alle attività di produzione e di core.

Produzione: L’introduzione della realtà aumentata nei processi produttivi può davvero fare la differenza in termini di benefici. Applicare l’AR alle fasi di assemblaggio, del cambio delle attrezzature o nel momento d’installazione significa trasformare una normale fabbrica in una fabbrica intelligente, in un’ottica di industria 4.0.

Manutenzione: Anche per quanto riguarda l’ambito della manutenzione, sia essa preventiva o correttiva, l’AR si è rilevata piuttosto efficace nel ridurre i tempi di esecuzione, nel limitare gli errori di tipo umano e nell’inviare statistiche ai manager del settore.

Training: la realtà aumentata si rivela indispensabile se inserita in un percorso di formazione, sia in fase di assunzione di nuovo personale sia nel training per tecnici già esperti da formare su nuove operazioni, soprattutto nel caso aziendale dove sono presenti numerosi tecnici, magari dislocati su un territorio vasto.

Controllo qualità: Nei processi relativi al controllo di qualità, l’AR permette di verificare meglio gli standard di produzione.

Safety management: Gestire i rischi e la sicurezza degli operatori e dei beni all’interno di uno stabilimento industriale diventa molto gestibile con questa nuova tecnologia.

Design: Che dire degli utilizzi nell’ambito del design? La realtà aumentata fornisce gli strumenti in grado di migliorarne tutte le fasi, dalla prototipazione alla visualizzazione.

Logistica: Utilizzando gli strumenti di realtà aumentata, la gestione dei magazzini, in particolare di quelli di grandi dimensioni, risulta molto più agevole in tutte le operazioni chiave del settore della logistica in particolare durante le operazioni di navigazione indoor e di picking.

Ampio è lo spettro d’impiego della realtà aumentata in tutti gli ambiti lavorativi. Le soluzioni prospettate hanno apportato migliorie nel settore delle vendite e in quello dell’arredamento, in architettura, per non tralasciare le possibilità in ambito medico o dell’editoria.

Nel settore vendite, le aziende che utilizzano l’esperienza aumentata incrementano gli introiti. Sono diverse le applicazioni di marketing interattivo che permettono, ad esempio, all’utente di indossare virtualmente un capo di abbigliamento, vedersi con un particolare trucco in modo da scegliere un colore piuttosto che un altro. Inoltre, le applicazioni mobile AR rendono interattive le campagne di marketing e di advertising, basti pensare all’efficacia dei marker presenti in giornali e riviste. In particolare, nell’editoria la realtà aumentata viene usata per interagire con i lettori, arricchisce le copertine delle riviste e alcune pagine interne con contributi video. Adoperata in medicina, sono molti i vantaggi per la riuscita di interventi operatori. La realtà aumentata fornisce al medico la visualizzazione degli organi interni del paziente. In questo caso l’arricchimento virtuale della realtà fornisce al chirurgo un prezioso supporto con elementi addizionali grafici e testuali compresa la visione 3D degli organi. Il chirurgo può così eseguire interventi con una maggiore precisione, come quelli al cranio, o procedere meglio nel caso di una biopsia.

Aumentare la realtà offre ottimi esiti anche nel campo dell’arredamento. Le aziende possono aiutare il cliente nel verificare effettivamente se un dato tipo di mobile o oggetto di arredamento stia bene o meno nelle loro case, in un angolo piuttosto che un altro, se s’intona con le pareti o il pavimento, tutto questo senza necessità di spostare pesi. Lo stesso accade in architettura dove sono state pensate applicazioni che permettono di vedere un edificio finito prima ancora di costruirlo, con la possibilità di adottare soluzioni più efficienti e più vicine ai bisogni del cliente.

Stare al passo con i tempi permette alle aziende di essere più competitive, di comprendere e soddisfare prima di altri i bisogni degli utenti diventati sempre più esigenti, abitanti di un mondo che non può più definirsi reale bensì aumentato.

 

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: