provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

La startup che mette al centro persone e competenze

“Vogliamo far crescere le persone, i nostri collaboratori, le startup, le scuole e chi viene a contatto con noi, perché ci piace l’idea di restituire valore al territorio e contribuire a migliorare la società”. Una frase importante per una piccola realtà tecnologica nata da pochissimo, nel febbraio 2019.

Flowing, con sedi a Cesena, Osimo e Jesi, conta cinquanta persone e undici soci. Si occupa di sviluppare progetti digitali. La filosofia aziendale è decisamente innovativa, basata sulla centralità delle persone e sulla condivisione delle conoscenze. Non a caso flowing significa “che fluisce” facendo riferimento al lavoro in remoto dei dipendenti e all’organizzazione aperta su cui si fonda il modello aziendale.

Open governance e remote working sono i nostri fattori distintivi”, spiega Francesco Fullone, Presidente del Cda -. Flowing vanta il perfetto mix di professionalità ed esperienza perché nasce dalla fusione di due aziende storiche, Extrategy e Ideato, sul mercato dal 2008 e complementari nelle competenze e nei servizi”. Il modello funziona, almeno con i dati alla mano che dimostrano in pochi mesi un grande successo. Tra i clienti presenti e passati Technogym, Ebay Italia, Credem, Jeep ma anche startup come Soisy, DIS.shoes e molte altre.

Ma come funziona il modello lavorativo? “Nell’ecosistema Flowing le persone sono chiamate a partecipare attivamente e a prendere decisioni. In questo modo, grazie al contributo umano, aumenta il valore dei progetti e i professionisti acquisiscono sempre nuove competenze. Tutti collaborano e interagiscono con tutti, anche grazie al lavoro da remoto che consente ai dipendenti di raggiungere clienti in ogni angolo d’Italia e di essere in costante contatto con i propri colleghi seguendo un metodo di lavoro non convenzionale”.

Il remote working ci mette in condizione non solo di lavorare al meglio nel posto che desideriamo, ma diventiamo attrattivi per quelli che nell’ambiente sono considerati le rock star dello sviluppo, che non vogliono allontanarsi dalla propria casa per venire a Cesena o Jesi”, spiega Fullone. “Allo stesso tempo lavoro da remoto e co-working permettono di socializzare, ad esempio un gruppo può decidere di lavorare e vivere insieme in una località turistica. Durante tutto il mese di marzo, infatti, sei di noi sono andati a lavorare alle Canarie. Ma non è stato un caso isolato, in passato abbiamo abilitato telelavoro da Berlino, dalla Scozia e anche dalla Thailandia”.

Un metodo affascinante, ma non si rischia di penalizzare il lavoro di squadra? “Bilanciamo i lati negativi del telelavoro lavorando sulla comunicazione interpersonale. Due volte all’anno, ad esempio, organizziamo dei ritiri aziendali che servono proprio per confrontarsi e fare squadra. Finanziamo anche la formazione e la partecipazione a conferenze in modo da creare in quei momenti attività di team building sane e spontanee”.

Le difficoltà iniziali in fase di avvio non sono mancate. “La fusione delle due aziende è avvenuta dopo un processo di oltre un anno durante il quale abbiamo lavorato, prima che su fatturati e lead sulle persone all’interno delle aziende. Abbiamo creato una nuova identità aziendale che non è semplicemente somma delle due precedenti ma porta al suo interno tutte le innovazioni metodologiche e di gestione che nel frattempo abbiamo co-creato. La sfida principale rimane questa: lavoriamo innanzitutto sulle persone non solo per farne crescere le competenze ma anche l’autonomia decisionale ed operativa. È un processo continuo che porta risultati solo a medio-lungo termine, un po’ in controtendenza con quello che avviene oggi nel mercato del Knowledge Working, sempre più veloce, e forse per questo superficiale quando si parla di far crescere le persone”.

Flowing sviluppa progetti tecnologici innovativi, finanzia startup e borse di studio. “Uno dei primi lavori è stato per Calciomercato.com, la piattaforma dedicata al mondo del calcio che raggiunge 6 milioni di utenti mensili. Abbiamo aiutato Calciomercato.com a ottimizzare la sua infrastruttura, molto complessa: ciò ha consentito di ridurne notevolmente il budget allocato permettendo al cliente di investirlo in nuovi servizi dedicati agli utenti a cui si rivolge, come un’applicazione personalizzata per l’assistente vocale di Amazon, Alexa. In due anni, grazie al nostro supporto anche strategico sulle tecnologie, il cliente è cresciuto di più del 50% sul numero di utenti”.

“Un ambito particolarmente in fermento è quello dell’intelligenza artificiale: per la casa editrice HarperCollins Italia abbiamo progettato un sistema di suggerimenti automatici per integrarlo all’e-commerce dei romanzi Harmony. In questo modo gli utenti ricevono consigli su nuovi libri da acquistare secondo i loro gusti. Grazie ad alcuni algoritmi, il machine learning ci consente di analizzare lo storico del loro comportamento e intercettare tra i prodotti quelli più attinenti alle loro inclinazioni”.

Per quanto riguarda le borse di studio, ospitiamo ogni anno tre studenti per le tesi di laurea. Inoltre, abbiamo in attivo una borsa di ricerca del Politecnico delle Marche, per studiare temi correlati a domotica e sentiment analysis. E stiamo collaborando con alcune aziende, insieme a Confindustria Romagna, a temi di R&D sul Machine Learning. Continueremo a investire in formazione, anche attraverso il metodo LEGO® Serious Play™, per il quale siamo certificati.

Il consiglio che si sente da dare ai giovani è di “continuare ad apprendere, sempre. Come non esistono “metodologie magiche” per dimagrire in pochi giorni, allo stesso modo non si può diventare imprenditori da un giorno all’altro. Lavorando in un’azienda che abbraccia principi di co-creazione, posso solo confermare che bisogna investire su di sé e su chi ci circonda, non solo denaro ma anche il proprio tempo, rimanendo umili, ascoltando i feedback che ci arrivano da chi ha idee diverse e competenze sui vari temi. Allo stesso tempo, cercare di ottenere feedback continui dal mercato per capire se sono corrette le proprie scelte operative e capire come correggerle”.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: