provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

MySocialRecipe, la cassaforte della tradizione culinaria

La tutela della proprietà intellettuale, artistica e industriale è ormai consolidato patrimonio, custodito da enti pubblici e registri specializzati. Nessuno, però - in un Paese che vive anche di sfide televisive ai fornelli - aveva pensato di registrare le ricette di cucina, quelle tramandate dalle nonne ai nipoti, quelle tradizionali di un tempo o le più originali, magari inventate per sbaglio e divenute tratto distintivo di una famiglia!

Per rispondere a questa esigenza, nel 2015 Francesca Marino, eclettica biologa nutrizionista, ha ideato MySocialRecipe, un portale che si fonda proprio sulla registrazione di ricette inedite, per tutelarne la proprietà.

Il claim che apre l’homepage parla chiaro: “Questa ricetta è mia!”. Poco più in basso, le “Ultime ricette registrate”, con foto dei piatti realizzati, profili degli autori, ingredienti e procedimento da seguire, livello di difficoltà e, soprattutto, le certificazioni originali di proprietà della ricetta che è possibile scaricare online.

L’idea, semplice e rivoluzionaria al tempo stesso, la spiega Francesca: “Inserendo i dati in modo intuitivo, gli autori hanno la possibilità di caricare e registrare le proprie creazioni e certificarne la paternità garantita anche da una marca temporale, emessa da un sistema di validazione nazionale e con validità ventennale, che permette di associare data e ora della creazione della ricetta, certe e legalmente valide”.

Un colpo ai furbetti delle ricette, insomma, per proteggere l’estro e l’inventiva di cuochi, pizzaioli, pasticceri o semplici appassionati di cucina!

MySocialRecipe non è soltanto un ricco deposito della tradizione culinaria, è anche una piazza che promuove progetti formativi legati al mondo enogastronomico. “Nella sezione Contest ed eventi - prosegue Francesca - gli utenti hanno la possibilità di partecipare a iniziative promosse dal portale stesso oppure da aziende, consorzi o enti”. Una sorta di attività indiretta di formazione, mediante la quale, una volta scelto il progetto in cui ci si sente più preparati, gli autori possono cimentarsi e pubblicare le proprie ricette. Il tutto, sotto l’attenta supervisione delle aziende promotrici e pure di giurie di esperti del settore, in grado di valutare con coerenza meritocratica le proposte degli autori.

Un ventaglio di opportunità, quello offerto dal portale, che si avvale anche di MySocialMagazine, testata giornalistica online riconosciuta, sulla quale discutere e confrontarsi con esperti chef o semplici appassionati, e di MySocialRecipeTV, contenitore video che si arricchisce di storie, interviste e protagonisti in cucina da ogni parte del mondo.

“Purtroppo - tiene a porre in evidenza Francesca - l’emergenza COVID-19 ha costretto anche noi a sospendere e rivedere numerosi progetti, molti dei quali ambiziosi. Riprenderemo le attività formative a settembre, comunicando le date della terza edizione della settimana dedicata alle ricette di tradizione “7su7 - Ragù&Genovese”, in collaborazione con Luciano Pignataro WineBlog: eventi a tema, approfondimenti, masterclass formative e sondaggi di gradimento sulle ricette proposte”.

In qualche maniera, si era già rimediato. A febbraio e marzo, erano state lanciate due sessioni di formazione online: una lezione sugli scialatielli alla sorrentina, svolta da un appassionato, e una masterclass sulle pizze di Calabria tenuta da uno chef. E poi un contest, a metà aprile, su “Il buono di stare in casa”, per lanciare un messaggio di positività attraverso le ricette della tradizione italiana.

E poi si punta molto sulla passione, aggiunge Francesca: “La cucina è un’attività che si svolge più ‘on site’ che ‘online’ e, quindi, ricca di coinvolgimento emotivo oltre che fisico. Se l’emergenza ha bloccato le nostre iniziative, ci siamo chiesti come stimolare l’emozione degli appassionati. È così abbiamo pensato a ‘Il profumo dei ricordi’, un contest gastro-letterario che invita a scavare nella memoria, alla ricerca di un profumo legato al cibo e a un ricordo bello, dolce, divertente, tenero”. I partecipanti dovranno cimentarsi in una doppia sfida: scrivere racconti brevi e intensi che abbiano per protagonista, spunto o ispirazione una ricetta legata a un ricordo e registrare la ricetta stessa su MySocialRecipe.

Aperto fino a martedì 30 giugno 2020, “Il profumo dei ricordi” sta raccogliendo iscrizioni provenienti da tutta Italia e in continua ascesa. Al momento, sono già stati selezionati 6 racconti che saranno pubblicati su alcune riviste di settore.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: