provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Penta, la piattaforma digitale che aiuta imprese e startup

Si occupa di business banking per le attività imprenditoriali ed è stata fondata nel 2017 in Germania, per mente dell’italiano Matteo Concas, cofondatore del progetto insieme a Luka Ivicevic. Stiamo parlando della piattaforma digitale Penta, che dall’estate scorsa ha deciso di attivare i propri utili servizi anche per il territorio nazionale italiano, operando dalla propria sede di Milano.

Le prestazioni vengono erogate telematicamente tramite sito web o app e sono rivolte a startup e piccole e medie imprese locali, garantendo trasparenza ed economicità dei costi complessivi. Fra le peculiarità di Penta ci sono:

  • Applicazione di soluzioni adeguate di digital banking, software e contabilità integrate;
  • Attivazione di carte di debito per i team;
  • Gestione di spese e rendicontazioni su cloud;
  • Finanziamenti agevolati, flessibili e veloci;
  • Consulenza mirata e personalizzata per chi intende avviare un attività imprenditoriale;
  • Apertura di conti in breve tempo (indicativamente 48 ore, contro le circa 5 settimane necessarie ordinariamente);
  • Pagamenti internazionali in 35 valute e 212 Paesi diversi.

Penta comunque non è una banca, anzi cerca di superare il concetto base di istituto di credito. L’obiettivo della piattaforma tedesca è infatti quello di agevolare nel migliore dei modi possibile il rapporto fra le realtà imprenditoriali e le risorse necessarie “per fare impresa”; una relazione non di rado danneggiata dall’estrema burocrazia e formalità che spesso sono fattori tipici delle banche “tradizionali”.

Elemento caratterizzante di Penta è sicuramente quello dell’erogazione del credito, che la piattaforma rende possibile per aziende e startup, grazie a una importante partnership stretta con Credimi, il più grande digital lender per le società in Europa, lanciato in Italia due anni fa con la missione di semplificare l’accesso al credito per le imprese. Secondo quanto rilevato da Penta infatti, uno dei bisogni maggiori delle aziende piccole e medie è quello di avere risorse finanziarie in prestito e da questo punto di vista, Credimi in due anni e mezzo ha erogato più di 600 milioni di euro a 3500 imprese, attraverso un canale di finanziamento decisamente “facilitato”.

La crescita di Penta nel tempo è stata assolutamente esponenziale, dato che nel giro di pochi mesi dalla sua nascita è riuscita a servire più di 11mila imprese in Europa e l’Italia è assolutamente strategica in questo processo di sviluppo, data l'alta concentrazione ivi presente di PMI e nuove startup. Non a caso, la piattaforma digitale intende raggiungere già i 5mila clienti in Italia entro l’inizio del prossimo anno ed entro la fine del 2020 intende aprire ulteriori sedi operative in Francia e Spagna.

Penta può così essere considerato uno strumento d’interesse per le aziende e startup italiane, perché crescendo, la piattaforma fungerà sempre più da catalizzatore per il progresso, la nascita e il potenziamento delle varie attività imprenditoriali.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: