provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Tra tradizione e innovazione: il calzolaio 4.0

“Siamo la quinta generazione di calzolai, attivi dal 1916, e da quando siamo entrati operativamente nella gestione dell’azienda siamo sempre stati attratti dal mondo digitale”. Così si presenta Orazio Del Vecchio, 32 anni, che oggi dirige le attività de “La Bottega del Calzolaio”, assieme ai tre fratelli Luca, Emanuele e Francesco e il padre Gerardo. Questa realtà imprenditoriale familiare, tutta italiana rappresenta al momento la più grande calzoleria d’Europa per estensione, con oltre 2mila metri quadrati di stabilimento nel salernitano.

La grande sfida vinta dalla famiglia Del Vecchio è stata quella di innovare la propria attività storico-artigianale di calzolaio, al fine di rimanere competitivi sul mercato. “Attualmente siamo in 25 – spiega il titolare - divisi fra calzolai, artigiani e persone che da alcuni anni si occupano specificatamente dell’area web, che è una delle chiavi del nostro successo. Basti pensare che grazie alla digitalizzazione della nostra impresa, il fatturato è aumentato del 600% nell’ultimo biennio”.

Digitalizzazione che ha investito l’attività a vari livelli: “Oltre all’e-commerce, dove è possibile acquistare prodotti per la cura della scarpa e del piede e cinture artigianali di nostra produzione – spiega Del Vecchio – abbiamo ideato un blog con articoli e guide sul fai da te e attivato un canale Youtube con video che insegnano a prendersi cura delle proprie scarpe. Il percorso di innovazione è iniziato nel 2010, insieme al nostro Digital Transformation Manager Giuseppe Noschese e ha coinvolto anche i nostri cinque punti vendita fisici, dislocati fra Campania e Lazio. Nello specifico abbiamo capito che per crescere dovevamo modificare il nostro approccio, digitalizzare ulteriormente i processi aziendali e da qui la scelta di investire in nuovi strumenti digitali e tecniche, che ci permettessero di essere all’avanguardia anche nei nostri store e soprattutto di migliorare il servizio alla clientela, che risulta essere sempre al centro del nostro lavoro”.

Non bisogna però credere che basti vendere qualcosa su internet per aumentare i guadagni: “Spesso si commette questo errore – dichiara Del Vecchio -; nella nostra azienda ci sono artigiani professionisti, persone capaci che operano da decenni con passione e dedizione. Non basta andare online per veder crescere il fatturato. Alla base del cambiamento ci sono in realtà impegno, sacrifici e rilevanti investimenti economici”.

Senza dimenticare il “Made in Italy”. “Lavorare da più di cent’anni materie prime italiane in Italia è fondamentale – dice il titolare -, perché il nostro territorio è sinonimo di eccellenza, qualità e stile in tutto il mondo. Siamo davvero orgogliosi di essere riusciti a mantenere vivo un mestiere che secondo i più era in via di estinzione. La dimostrazione che stiamo lavorando nella direzione giusta – racconta Del Vecchio – è arrivata alcuni mesi fa, quando Financial Times e Google ci hanno inserito nella loro lista 2018 delle 100 aziende leader europee nella trasformazione digitale. Un momento davvero topico, che ci ha visto protagonisti in un evento apposito svoltosi a Bruxelles. Rappresentare in quell’occasione l’Italia, assieme ad altre realtà internazionali è stata per noi un’esperienza unica e gratificante”. E la famiglia di imprenditori è fiera anche per altro: “Siamo riusciti – continua il giovane - a sfruttare le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie per suscitare l’interesse di persone che si vogliono avvicinare al mestiere del calzolaio. Infatti, quotidianamente riceviamo richieste di giovani che vogliono diventare calzolai e questo ci ha spinto a dare vita a una scuola per calzolai interamente gestita da calzolai, un vero e proprio percorso formativo completo”.

Innovazione e digitalizzazione sono tuttora in corso a “La Bottega del Calzolaio”, infatti proprio in queste settimane è stato lanciato un nuovo servizio di calzolaio online, per cui l’azienda ritira scarpe, borse e altri accessori dai clienti, effettua la riparazione necessaria e poi rimanda indietro il tutto, comodamente a casa, tramite corriere, in qualunque parte d’Italia. “È importante mettersi in gioco e sviluppare nuove strategie – chiosa Del Vecchio -, perché chi si ferma è perduto e bisogna sempre darsi da fare per cavalcare al meglio l’onda della tecnologia”.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: