provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

5 milioni di euro per la tutela delle aree verdi del Sud

Salvaguardare la biodiversità delle aree naturali protette del meridione. La Fondazione CON IL SUD lancia la quarta edizione del Bando Ambiente e mette a disposizione 5 milioni di euro per le organizzazioni del Terzo settore che si trovano in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia. I progetti devono essere pensati per la difesa del territorio e avere come obiettivo principale la prevenzione e riduzione dei rischi ambientali all’interno dei Parchi e delle Aree naturali protette del meridione.

Al Sud sono 200 le aree naturali protette minacciate dalla perdita della biodiversità, dall’inquinamento, dagli incendi e dal dissesto idrogeologico. Il patrimonio “verde” italiano – oltre ad avere un valore a livello culturale ed economico – deve essere tutelato e valorizzato da tutta la collettività. Infatti con questi progetti è importante diffondere un senso civico, di rispetto e di comunità per l’ambiente che ci circonda con l’obiettivo di avere una partecipazione attiva dei cittadini.

L’iniziativa punta a progetti con accordi di partenariato in cui sono coinvolti - oltre al Soggetto responsabile e all’Organismo di Gestione di ogni area protetta oggetto di intervento – anche associazioni del Terzo Settore. Alla partnership per il progetto possono aderire anche enti legati alle istituzioni, all’università, alla ricerca e al mondo economico, inclusi soggetti profit. Le proposte selezionate saranno quelle più valide perché capaci di offrire un contributo a livello sociale, economico e di responsabilizzazione della società che si dovrà concentrare sull’organizzazione di iniziative in favore della tutela e del rispetto del territorio.

In base alla tipologia delle aree protette si potranno presentare: 3 proposte per i Parchi Regionali e Nazionali, 2 proposte per le Riserve naturali statali, regionali e per le aree marine protette e una sola proposta per le altre aree naturali protette. I progetti devono avere una durata tra i 24 mesi e i 36 mesi, la richiesta di finanziamento non deve superare i 300 mila euro e deve essere prevista una quota di co-finanziamento di almeno il 20% del costo totale.

Quali sono gli altri criteri da tenere in considerazione?

  • definizione degli obiettivi qualitativi e quantitativi, in particolare per la riduzione del rischio ambientale;
  • modalità idonee al monitoraggio e strumenti quali-quantitativi per valutare il progetto;
  • garanzie sulla continuità delle attività avviate, in termini di sostenibilità economica e organizzativa, anche oltre la durata dei finanziamenti richiesti;
  • campagna di comunicazione per la promozione delle iniziative proposte.  


Procedura per candidarsi

I progetti
possono essere inviati online – attraverso il portale CHÀIROS messo a disposizione dalla Fondazione - entro le ore 13.00 dell’8 giugno 2018. In allegato l’atto costitutivo e statuto del soggetto responsabile; gli ultimi due bilanci d’esercizio sempre approvati dal soggetto responsabile. Ogni Organismo di Gestione deve inviare la lettera di adesione alla proposta di progetto, piano del parco approvato, scheda dell’area naturale protetta, tre curriculum vitae delle figure coinvolte nella gestione e nello svolgimento del programma: il responsabile del progetto, della rendicontazione, della comunicazione. Il computo metrico estimativo solo in caso di costi ammortizzabili, inclusi interventi di riqualificazione/ristrutturazione di beni immobili che potranno avere una durata massima di 6 mesi.

Per maggiori informazioni consultare il bando con tutta la documentazione.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: