provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Bando UE: "Smart city & smart community"

La sostenibilità, ovvero l’equilibrio fra il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni attuali e la capacità di soddisfare i bisogni delle future generazioni, rappresenta un concetto cardine delle politiche di sviluppo dell’Unione Europea.

Quest’ultima, nell’ambito del programma Horizon 2020, ha aperto il bando “Smart Cities and Communities solutions integrating energy, transport, ICT sectors through lighthouse (large scale demonstration - first of the kind) projects” finalizzato ad individuare soluzioni ‘integrate e replicabili’ su scala nazionale ed europea per l’innovazione sociale ed urbana, l’energia, i trasporti e l’ICT, attraverso il partenariato tra le municipalità e le industrie.


Quali sono i benefici per la società?

Le sfide principali per le Smart Cities and Communities riguardano l’incremento significativo dell’efficienza energetica globale delle città. Questo consentirà di sfruttare meglio le risorse locali sia in termini di fornitura che di domanda energetica, garantendo migliori condizioni di vita per i cittadini e una reale opportunità di crescita o di rilancio per l’industria nazionale.

Il sistema Smart City è dunque inteso non solo come un innovativo modus operandi per il futuro della vita urbana, ma soprattutto come una strategia chiave per combattere la disoccupazione, la povertà, la disuguaglianza, e migliorare la gestione delle risorse fondamentali come l’energia, l’acqua, l’ambiente.

È per questo motivo che alle nuove figure professionali del settore (verge jobs) si richiedono elevate competenze tecnologiche e gestionali. Si tratta di una categoria molto ampia di lavoratori di nuova generazione con una spiccata sensibilità alla sostenibilità economica e sociale: dal consulente per le startup all'esperto GIS, l'esperto ICT, l'esperto in Smart City o in web marketing per la sharing economy, dal facilitatore digitale al fundraiser, fino ad arrivare al progettista di app.


Cosa finanzia il bando?

L’avviso implementa lo schema di finanziamento delle Innovation Actions (IA), un meccanismo di finanziamento che prevede il rimborso del 70% dei costi eleggibili (costi diretti e indiretti) sostenuti per l’implementazione del progetto sostenuto dalla Commissione. 

Ogni soggetto proponente potrà vedersi sovvenzionati fino ad un massimo di 4 progetti per un budget variabile tra i 18 e  i 25 milioni di euro.


A chi si rivolge?

Ad aziende, startup, enti pubblici e associazioni che aderiscano secondo queste condizioni:
  • Almeno tre soggetti giuridici partecipano all’azione
  • I tre soggetti giuridici sono stabiliti in differenti Stati Membri dell’Unione o paesi associati
  • I tre soggetti giuridici sono indipendenti l’uno dall’altro


Quali sono i requisiti richiesti alle proposte?

I progetti devono essere relativi alle aree:
  • Distretti green a basso consumo energetico (o quasi zero)
  • Infrastrutture integrate (pubbliche, private, industriali per ridurre i consumi e aumentare l’efficienza)
  • Smart mobility, mobilità urbana sostenibile (elettrica, alternativa, bike, aree pedonali, piste ciclabili, ITS)
Ogni progetto dovrebbe:
  • Coinvolgere fino a 2-3 città
  • Riflettere il punto di vista delle organizzazioni dei consumatori, della comunità di ricerca e delle PMI locali
  • Assicurare che tutte le attività proposte siano parte di un ambizioso piano urbanistico
  • Garantire una diversificazione delle fonti di finanziamento
  • Contenere attraenti piani aziendali che consentano replicabilità su larga scala per favorire la ripresa economica e nuova occupazione
  • Coinvolgere delle città sostenitrici che vogliano contribuire al processo attraverso la riproduzione delle soluzioni, avendo accesso al know-how e ai risultati del progetto e ad un contatto privilegiato con i partner

Qual è l’impatto atteso?
 
  • Distribuzione su vasta scala, di soluzioni innovative, replicabili e integrate, nei settori dell’energia, dei trasporti e delle ITC
  • Investimenti economici su larga scala con il rimborso dei costi di attuazione
  • Incremento dell’efficienza energetica dei distretti e delle città, uso delle energie rinnovabili e la loro integrazione nel sistema energetico
  • Efficienza della mobilità con minori emissioni di inquinanti e di CO2
  • Riduzione dei costi energetici
  • Decarbonizzazione del sistema energetico
  • Cooperazione attiva tra le città degli Stati membri con diverse posizioni geografiche ed economiche
Il bando SCC-01-2015  (IA) prevede una  procedura di sottomissione ad uno stadio. Le domande di finanziamento devono essere presentate, entro il 5 maggio 2015, esclusivamente mediante procedura telematica sul Portale del Partecipante di Horizon2020, dove è anche disponibile la guida alla presentazione di una proposta.


Per saperne di più, consulta la sezione di Cliclavoro dedicata alle Smart Cities!

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: