provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Biologico: cresce l'interesse per il settore

Il biologico piace agli italiani. I dati lo confermano. Secondo l’indagine di Coldiretti e dell’Istituto Ixè, presentata in occasione del Sana di Bologna (Salone internazionale del biologico), quasi due italiani su tre acquistano prodotti alimentari biologici regolarmente (22%) o occasionalmente (42%). I consumi del biologico hanno avuto un aumento del 178% nel corso dell’ultimo anno. Nel 2018, in Italia, il settore biologico italiano ha sviluppato un fatturato di oltre 5 miliardi di euro. Una tendenza in crescita grazie alle vendite nella grande distribuzione che segnano un +5% nel primo semestre del 2019.

Ma cosa significa biologico? Questa dicitura sottende l’applicazione di un metodo produttivo - l’agricoltura biologica – che viene disciplinato con rigore mediante i regolamenti europei. In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi, ad esempio insetticidi o pesticidi né organismi geneticamente modificati (OGM). Per difendere preventivamente le colture, si selezionano specie resistenti alle malattie e si utilizzano tecniche agronomiche specifiche.

In agricoltura biologica si usano fertilizzanti naturali come letame e altre sostanze organiche compostate.

Ebbene, l’Italia si posiziona al quinto posto nel mondo e al terzo in Europa per consumi nazionali di prodotti biologici.

La crescita del consumo bio non attiene solo al mercato interno, ma il tema fa riflettere sulla crescente sensibilità tra i consumatori verso le tematiche ambientali. Buone abitudini che vanno a impattare positivamente sulla tutela della biodiversità e sul contrasto al cambiamento climatico.

Dietro al successo nei consumi, c’è sicuramente una maggiore attenzione delle imprese di produzione: l’Italia è leader in Europa per il numero di imprese che coltivano biologico, con quasi 79mila operatori coinvolti e circa 2 milioni di terreni coltivati. L’incidenza della superficie biologica ha raggiunto nel 2018 il 15,5% di quella totale nazionale, di gran lunga superiore alla media dell’Unione Europea. Il primato italiano è anche per il numero di aziende che trasformano i prodotti bio: 18mila imprese, tremila più di Francia e Germania.

L’elevata produzione incide anche sulle esportazioni: l’export “biologico” Made in Italy, ha superato i 2,2 miliardi di euro, siamo primi nell'Unione europea e secondi nel mondo dopo gli Usa.

Questa crescita incide anche sul mercato del lavoro. Se crescono le imprese, crescono anche le opportunità di lavoro, che possono inserirsi con diversi profili: dall’addetto alla vendita nei negozi che vendono prodotti biologici, a figure più esperte nel comparto della produzione come “Responsabile Dipartimento Qualità e Sicurezza Alimentare”, “biologi”, “nutrizionisti”, “Operai”, “Tecnici di laboratorio”.

Il settore sta attirando anche l’interesse di molte realtà imprenditoriali. Anche startup. Come Onde Alte che ha lanciato una sfida online sulla sua piattaforma dove chiunque può proporre una soluzione a questo problema: come fare per destare l’interesse nei giovani Millenials verso i prodotti bio? Pare infatti che questa generazione nata negli Anni Ottanta e Novanta sia in controtendenza rispetto ai dati nazionali.

Con l’iniziativa Make, la startup vuole avvicinare i Millenials al biologico anche se la partecipazione civica è indirizzata a tutti, dai 18 anni in su. “Quali servizi o soluzioni d’acquisto potrebbero facilitare l’accesso dei più giovani ai prodotti biologici?”, questa è la domanda che viene posta. Registrandosi sulla piattaforma, chiunque può caricare la propria idea, suggerendo soluzioni adatte alle abitudini dei giovani, con una vita molto frenetica. Le proposte o i progetti potranno essere inseriti fino al 31 ottobre 2019. Le idee più convincenti avranno anche la possibilità di partecipare a un programma di accelerazione finanziato da NaturaSì e il vincitore avrà un viaggio come premio.

La startup Onde Alte è stata da poco inserita tra le oltre 80 B Corp italiane, una comunità di imprese che coniugano il business con l’ambiente e l’impatto sulla società.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: