provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Bruxelles, la Settimana europea delle Regioni e delle Città

Uno sviluppo sostenibile e inclusivo è il tema della Settimana Europea delle Regioni e delle Città che si svolgerà a Bruxelles dal 10 al 13 ottobre 2016. L’evento, arrivato alla sua 14ma edizione, nel corso degli anni, è diventato un punto di riferimento per gli operatori locali, affermandosi come un’importante piattaforma di networking. Facilitare lo scambio di buone pratiche e know-how è, infatti, il punto di forza di questa iniziativa che accoglierà a Bruxelles più 6000 partecipanti e 600 relatori da tutta Europa.

Durante queste giornate i rappresentanti delle città e delle regioni, insieme ad accademici ed esperti del settore, discuteranno sulla loro capacità di generare crescita e posti di lavoro, attuare la politica comunitaria di coesione e dimostrare il loro ruolo cruciale nell’elaborazione delle politiche dell’Unione Europea.

L’attenzione dei partecipanti si concentrerà sulle attuali sfide che regioni e città europee devono affrontare rispetto ad alcuni temi come lo sviluppo economico e inclusione sociale, l’innovazione regionale, la cooperazione tra pubblico e privato, la cooperazione transfrontaliera e lo sviluppo delle comunità locali.

Gli oltre 100 seminari e sessioni di lavoro verteranno su tre argomenti principali:

  • Crescita economica sostenuta e sostenibile. Saranno esaminate le nuove opportunità per promuovere la crescita e l’occupazione, in particolare, quelle legate all’innovazione, all’efficienza energetica e allo sviluppo di un’economia sostenibile a bassa emissione di carbonio grazie a fonti energetiche alternative
  • Crescita economica inclusiva. Si tratteranno temi legati all’inclusione sociale delle classi più svantaggiate; questo filone permetterà alle regioni e città di condividere anche le proprie esperienze nell’affrontare la crisi dei rifugiati
  • Rendere i Fondi strutturali e di investimento europei più facilmente accessibili. Si discuterà di come rendere più efficiente, efficace e semplificato il programma di gestione dei fondi strutturali e di investimento europei e di come sia possibile imparare dalle esperienze positive attuate dalle realtà locali.
Nel programma dei lavori viene dedicata una particolare attenzione alle politiche per l’occupazione e per l’inclusione sociale. Si parlerà, nello specifico, del capitale umano e delle iniziative rivolte ai NEET e ai lavoratori più svantaggiati. L’11 ottobre è fissato il seminario “The skills guarantee in your region” dove si discuterà della New Skill Agenda for Europe lanciata a giugno 2016, per migliorare l’occupabilità dei cittadini comunitari attraverso la formazione e l’acquisizione di nuove competenze. Mentre, il 13 ottobre, si dialogherà di come aiutare i giovani non impegnati in alcun percorso di studio o lavoro e i disoccupati di lunga durata, nel workshop “Integrated services to NEET's, long-term unemployed and other vulnerable groups”.

Oltre all’interazione tra i rappresentanti delle istituzioni locali, sarà dedicato uno spazio alle aziende: l’Investor’s Cafè, dove si potranno scoprire le iniziative di sostegno alle imprese e alle organizzazioni, insieme alle nuove opportunità di investimento nell’Unione Europea. Per permettere lo scambio di informazioni durante e dopo l’evento, sarà disponibile una piattaforma TV e un’app per produrre e trasmettere video tramite YouTube. Così con App ByLeaders, potranno essere promossi i progetti e le idee rivolte alle comunità locali.

La partecipazione all’evento è gratuita e sarà possibile registrarsi online fino al 30 settembre 2016.
Potranno inviare il form: i membri del Comitato delle regioni , i membri del Parlamento europeo e politici nazionali, regionali e locali; i funzionari di governo europei, nazionali, regionali e locali e gli esperti nel campo della gestione e valutazione dei programmi della politica di coesione; i rappresentanti di aziende private, di istituzioni finanziarie e di associazioni europee e nazionali; i giornalisti europei, i media nazionali, regionali e locali; gli studenti di master o dottorati, i ricercatori e i professionisti nel campo della politica europea, regionale e urbana. L’invito si estende anche a coloro che provengono da Paesi extracomunitari interessati a conoscere le politiche regionali dell’UE e l’importante ruolo svolto da regioni e città per il suo sviluppo.

Visita il sito della XIV Settimana Europea delle Regioni e delle Città per saperne di più!

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: