provincia di: Tutte
Seguici su:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Competenze non cognitive: un nuovo bando della Commissione UE

Pensiero critico, risoluzione dei problemi, abilità interpersonali, adattabilità, persistenza, creatività, iniziativa e leadership. Queste le abilità e le competenze non cognitive e trasversali che saranno richieste ai lavoratori dai futuri datori di lavoro, accanto a quelle tecniche.

La quarta rivoluzione industriale e il mercato digitale stanno, infatti, cambiando il mondo del lavoro che sarà sempre di più caratterizzato dall’automazione e dalla connettività estrema. Tutto questo avrà un impatto significativo anche sulla creazione di posti di lavoro e richiederà abilità utili ad analizzare e risolvere problemi complessi, attraverso strutture di comunicazione digitali, in una misura maggiore rispetto ad oggi.

In questa prospettiva, La Commissione Europea ha adottato, lo scorso 28 aprile, un programma di lavoro per l’anno 2017 che prevede il finanziamento di progetti pilota e azioni preparatorie nel settore delle “reti di comunicazione, contenuto e tecnologia”. Si evidenzia la necessità di sviluppare tecnologie di conoscenza per sostenere efficacemente le strategie innovative di apprendimento e di formazione.  In questa direzione, con un budget di un milione di euro, è stato lanciato un bando dalla Commissione Europea che prevede la creazione di una piattaforma tecnologica per lo sviluppo di un sistema di apprendimento e di valutazione a livello europeo che includa i seguenti servizi:

  • Mappatura delle competenze cognitive
  • Sviluppare mappe di apprendimento personalizzate per migliorare le competenze non cognitive attraverso servizi o soluzioni educative
  • Predisposizione di meccanismi di misurazione, valutazione per il riconoscimento del nuovo apprendimento e delle competenze.

Tutto questo si dovrebbe accompagnare ad un processo di innovazione sociale per sostenere, migliorare e facilitare l’apprendimento delle competenze non cognitive dei cittadini europei, soprattutto di quelli a rischio esclusione come i giovani disoccupati, testandone l’efficacia in diversi contesti di apprendimento e di formazione.

Possono partecipare i soggetti giuridici degli Stati membri dell'UE costituiti da:

  • Una sola persona giuridica
  • Un consorzio composto da più soggetti giuridici

L’idoneità dei candidati sarà valutata sulla base dei seguenti documenti:

  • Le entità private devono presentare la copia dello statuto, l’estratto dell’atto costitutivo, l’estratto del registro di commercio, il certificato di attribuzione della partita Iva
  • Agli enti pubblici si richiede la copia di documento ufficiale che istituisce l'ente
  • Le persone fisiche devono inviare fotocopia della carta d'identità e/o del passaporto, il certificato di attribuzione della partita Iva per gli autonomi

Requisiti richiesti

Per poter partecipare al bando, i candidati devono possedere le competenze professionali, nonché le appropriate qualifiche professionali, pedagogiche e tecniche acquisite nel corso degli ultimi tre anni comprovate attraverso:

  • Un dettagliato curriculum vitae delle persone che si occuperanno della gestione e dell'attuazione dell'azione, corredata, ad esempio nel settore della ricerca e dell'istruzione, da un elenco delle pubblicazioni
  • Un elenco di progetti e attività realizzati negli ultimi tre anni
  • Una descrizione delle attrezzature tecniche, degli strumenti e dei brevetti a disposizione.

Sono ammissibili le seguenti attività:

  • Conferenze, seminari
  • Azioni di sensibilizzazione e divulgazione
  • Azioni volte alla creazione e al miglioramento delle reti, agli scambi di buone pratiche
  • Studi, analisi, progetti di mappatura
  • Attività di ricerca

La durata massima dei progetti è di 24 mesi.

Per partecipare c’è tempo fino al 5 settembre 2017.

Le domande devono essere presentate in forma corretta, debitamente compilate, datate e firmate. Se ne richiedono 5 copie, tra cui una in originale. Devono essere inviate in formato cartaceo al seguente indirizzo:

“European Commission Directorate - General for Communications Networks, Content and Technology Directorate Data – Learning, Multilingualism and Accessibility (unit G.3)” - For the attention of the Head of Unit (EUFO 2/274) L-2920 Luxembourg. Sulla busta scrivere il seguente codice identificativo: OKT 2017

 

Consulta il primo piano di Cliclavoro dedicato all’Agenda Ue per le competenze della forza lavoro in Europa, un piano strategico che mira a sviluppare una vasta gamma di competenze, al fine di sfruttare al meglio il capitale umano europeo!

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: