provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Crowddreaming, la call per insegnanti e studenti

Al via la quarta edizione del concorso cooperativo “Crowddreaming, i giovani co-creano cultura digitale”, promosso dalla Digital Cultural Heritage Arts & Humanities School (Diculther) e gestito da Stati Generali dell’Innovazione. Il tema è quello dell’edificazione di Piazza Europa, monumento digitale alla trans-culturalità.

La call è aperta a tutti gli insegnanti e studenti delle scuole italiane, di ogni ordine e grado.

Gli studenti partecipano al fine di:

  • Aumentare la propria consapevolezza sullo stretto intreccio di scambi culturali con le popolazioni residenti in Europa che determina la cultura italiana quale è oggi
  • Acquisire competenze tecniche di base sulla creazione e gestione di esperienze in realtà aumentata

I docenti partecipano, oltre ai motivi suddetti, anche al fine di:

  • Entrare in un’attiva comunità di insegnanti e professionisti che si occupano di eredità culturale digitale a livello europeo

Gli studenti potranno essere divisi per classi o in altro modo, a discrezione dell’istituto scolastico di competenza, purché ogni gruppo sia formato da almeno tre alunni. Non c’è un limite numerico di gruppi per istituto, però ognuno di loro dovrà avere, come coordinatore, almeno un insegnante, che sarà poi il referente per gli organizzatori della call.

Le fasi del concorso sono tre:

  1. Preparazione, per cui studenti e insegnanti potranno accedere liberamente al materiale reperibile sul sito di Piazza Europa, dove troveranno esempi pratici del lavoro che si dovrà realizzare, eventuali fonti di ispirazione per la scelta di soggetti coerenti con il tema della trans-culturalità in Europa. Dallo stesso portale si potrà imparare a realizzare facilmente il proprio elaborato a partire dai template forniti sul web;
  2. Esecuzione, per la quale i partecipanti dovranno creare un’esperienza in realtà aumentata, personalizzando uno dei template forniti da Piazza Europa. L’esperienza consiste nel dialogo con un “fantasma digitale”, il quale ringrazia un’altra popolazione residente in Europa per un suo contributo riconoscibile all’interno della cultura italiana. Successivamente si dovrà “installare” l’esperienza in un luogo adeguatamente accessibile e coperto da segnale 4G o Wifi del proprio istituto scolastico, dove chiunque possa accedere all’utilizzo del fantasma. Infine bisognerà organizzare sessioni di interazione con il progetto realizzato, da parte di studenti, genitori e insegnanti, durante le quali verrà utilizzata la funzione di registrazione di brevi video-selfie, in cui gli utenti esprimeranno brevi pensieri personali sull’argomento transculturale scelto;
  3. Condivisione, per cui durante la “IV Settimana delle culture digitali” (9-14 aprile 2019), i partecipanti saranno chiamati a svolgere un hackathon culturale con le altre scuole. Studenti, genitori e insegnanti utilizzeranno l’esperienza in realtà aumentata per “evocare” il fantasma digitale e interagire con esso. In questa fase le interazioni genereranno punteggio per il team che ha creato l’esperienza, al fine di determinare i vincitori (non è l’unico parametro finale preso in considerazione dagli organizzatori).

Tutte le fasi progettuali e realizzative sono da effettuarsi entro l’8 aprile 2019. Gli insegnanti referenti dei 12 migliori lavori riceveranno in premio la possibilità di accedere a formazione online della rete Diculther, con tutoraggio personalizzato. Inoltre, alcuni lavori scelti dagli organizzatori saranno inseriti su Piazza Europa.

Maggiori informazioni sono disponibili sui siti web di Piazza Europa e Crowddreaming ed è anche possibile scrivere una mail all’indirizzo ccd2019@crowddreaming.academy.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: