provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Da Agrigento a Ivrea, nuovi Hub per sostenere l'innovazione

Era un dato di partenza prima del marzo 2020, il mese in cui tutto è cambiato – a livello economico e sociale, con lo scoppio mondiale della pandemia da Covid 19 – e lo è con forza maggiore in questa fase delicata per imprese e lavoratori. Il sostegno alla produttività passa necessariamente da iniziative che mettano assieme piccole e medie imprese, ricerca, innovazione e formazione di alta qualità. Iniziative che possono avere sia un’ispirazione “dall’alto”, vale a dire da un livello istituzionale, sia “dal basso”, vale a dire radunando assieme figure professionali di varia estrazione e campo d’azione, ma accomunate dallo stesso obiettivo: crescita economica e tecnologica.

In questo senso, l’Italia è tutt’altro che immobile: anzi, si registra un fermento che coinvolge con pari intensità realtà differenti per area geografica e di sviluppo industriale, segno che anche a sud della Capitale l’interesse per un modello basato su innovazione digitale e attrezzature d’avanguardia è ormai assodato. Partiamo proprio da un’iniziativa che si registra ad Agrigento, nel cuore della Sicilia: si tratta di Datafactor, il progetto targato Topnetwork Spa ed Expleo che intende coniugare Alta tecnologia e innovazione riuscendo a garantire 100 nuovi posti di lavoro, con l'obiettivo di diventare una vera e propria Silicon Valley per giovani professionisti e creativi digitali. Il tutto a partire proprio dalla rete di collegamenti e progetti messa a disposizione da Topnetwork Spa, una realtà che ha 5 sedi in Italia, disponendo di 600 professionisti che si occupano di analisi dei dati, soluzioni tecnologiche ed intelligenza artificiale. Si tratta di un progetto ambizioso che un investimento iniziale di 21 milioni, di cui circa il quaranta per cento a fondo perduto con il contributo del Mise e Regione Sicilia. La sfida è creare un’eccellenza che non sia momentanea ma che si sviluppi e resti ad Agrigento per inserire e portare in zona anche le famiglie, innescando un circuito virtuoso che possa far bene all’intero territorio. Con l’intenzione futura di andare oltre Agrigento: in un futuro prossimo il nuovo polo informatico intraprenderà collaborazioni con altre città siciliane, condividendo piani di sviluppo con i Comuni.
Ma il fermento che investe aziende e ricerca, istituzioni e creativi, non si ferma alla Sicilia. A Ivrea, in Piemonte, in scia della fresca nomina a “città industriale del XX secolo” patrimonio dell’umanità (è la storica città di Olivetti), sta nascendo il progetto ICO Valley, il nuovo spazio destinato a rivitalizzare una parte degli ex edifici proprio della storica azienda piemontese. Acronimo di Ivrea, Canavese, Olivetti, Ico Valley intende portare avanti una politica di riqualificazione di ex siti industriali attraverso un’esperienza innovativa di unione tra “contenitore e contenuto”. Le intenzioni sono di innnescare una sinergia che porti a ricadute positive sul territorio, proprio come Datafactor ad Agrigento, e che risulti in questo modo un polo attrattivo a livello nazionale e internazionale. Protagonisti di questo progetto sono realtà pubbliche, dell’associazionismo e private, a livello sia locale sia nazionale.

Le ricadute interesseranno la formazione professionale e porteranno a un interscambio continuo tra aziende e ricerca universitaria, ma anche di ridefinzione di aree in disuso per realizzare gallerie commerciali e aree destinate all’hospitality. Ma non solo: Ico Valley intende essere anche un ‘’acceleratore’’ in cui far transitare le startup, potenzialmente idonee a far evolvere il concetto di ‘incubatori’ nei quali i migliori talenti sono sostenuti e trattenuti da un ecosistema digitale che consente loro di progettare e creare servizi personalizzati, a vantaggio del tessuto produttivo italiano, densamente popolato da Pmi e artigianato di eccellenza, così come diventare imprenditori delle loro idee innovative. In questo nuovo ecosistema verranno aggiunti anche tutti i servizi utili alla pubblica Amministrazione per migliorarne la fruizione in termini di efficienza e efficacia, così come uno spazio dove si valorizzano servizi, Big Data, Intelligenza Artificiale, Internet of Things, cloud, blockchain. In definitiva, un grande spazio dove si possa spaziare dalle attività legate alle professioni fino a un data center italiano ed europeo.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: