provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Da Italy Up a Life Science: i progetti per l'innovazione digitale

Lavoro, sviluppo, voglia di fare impresa. Economia, aziende e enti di ricerca italiani stanno premendo sull’acceleratore per rimettere in circolo energie e progetti, collocando al centro innovazione e produttività da declinare secondo i canoni delle tecnologie digitali e della tutela dell’ambiente. In questo senso, per favorire la crescita di startup e sostenere iniziative e idee creative, sono stati attivati in questi ultimi giorni diversi bandi e call con l’obiettivo di disporre risorse finanziarie e supporto logistico-formativo a giovani imprenditori e aziende. Vediamo nel dettaglio alcune delle call più interessanti, a partire da Italy Up, uno tra i progetti più interessanti lanciati nelle ultime settimane.

Promossa da LVenture Group, Italy Up è una call che si avvale della partnership di Telepass e della collaborazione dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. L’obiettivo del programma è di individuare e sviluppare progetti e tecnologie per contribuire concretamente al rilancio del Paese, in modo da supportare il tessuto socio-economico nei cambiamenti e nelle trasformazioni che si verificheranno nel prossimo futuro. Il bando – che non ha una scadenza prefissata – è aperto a progetti ad alto tasso innovativo che riguardino vari settori della produzione e dell’economia: dalla salute alla mobilità, ancora dalla logistica fino alla digitalizzazione delle imprese e della pubblica amministrazione. La mission di Italy Up è di sostenere talenti e startup sul mercato, sviluppando intorno a loro una rete di opportunità, competenze e capitali, con finanziamenti per le aziende più interessanti che possono arrivare alla cifra di 3omila euro da investire per poter sviluppare i propri progetti.

Nella regione più colpita dall’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, invece, è attiva stata lanciata la call #RestartLombardia, su impulso della startup VGen Lab e Open Innovation Lombardia. Il progetto, attivo fino al 24 giugno prossimo, punta a promuovere l’open innovation per supportare le aziende lombarde nei processi di sviuluppo e adattamento al nuovo contesto economico, attraverso idee e soluzioni createive provenienti sia dalle startup che dal grande pubblico. L’obiettivo centrale della call è quello di connettere il tessuto imprenditoriale italiano con le nuove generazioni e offrire uno strumento di crowdsourcing alle aziende per permettergli di innovarsi in maniera flessibile, veloce, dinamica, con prezzi vantaggiosi e di avere l’opportunità di far conoscere il proprio brand su ampia scala. Il tutto ideato e organizzato da un team molto giovane, considerando che VGen Lab è stata fondata da una community di studenti della Facoltà di Economia dell’Università di Roma Tor Vergata. Creata a fine 2018, successivamente ha aperto il primo laboratorio a Milano grazie al supporto di un team di studenti dell’Università Bocconi. Oggi la community è presente in 7 università e 4 città (Roma, Milano, Bologna e Singapore) e conta oltre 200 associati.

Di impronta più specialistica ma non meno interessante, infine, il progetto Life Science, lanciato dall’Open Accelerator di ZCube, il Research Venture di Zambon. La call è alla ricerca di innovatori che con le loro soluzioni digitali saranno in grado di pensare al futuro della salute, grazie all’adozione di tecnologie all’avanguardia come wearable, biomarcatori, advanced analytics, intelligenza artificiale e altro ancora. Nel dettaglio, Open Accelerator intende promuovere progetti e startup focalizzati su campi di malattia preferibilmente respiratoria e CNS, che offrano soluzioni innovative basate su una o più tra quattro macroaree tecnologiche, oltre ad una Special Challenge dedicata alla gestione della crisi coronavurus. Le aree di competenza sono le seguenti:

  • Virtual Health
  • Clinical Trials Digitalization
  • Digital Diagnostics
  • Digital Prevention, monitoring and therapeutics
  • New ways to interact (Special Challenge Covid-19).
Per ogni progetto selezionato è previsto un investimento fino a 100.000 dollari; le iscrizioni chiudono il 20 luglio prossimo.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: