provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

DesignEuropa Awards 2016

Premiare l’eccellenza nel settore dei disegni e modelli comunitari registrati (DMC) e la loro gestione tra i titolari: è questo l’obiettivo dei DesignEuropa Awards, i premi banditi dall’Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI) che si occupa della registrazione e gestione dei disegni e dei marchi comunitari.  

Il Ministero dello sviluppo economico e  l'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) sono i partner principali dell’iniziativa. Tra le missione dell'UIBM vi è il rafforzamento dell'innovazione e della competitività delle imprese italiane nel paese e all'estero.  

L’edizione inaugurale dei Premi DesignEuropa si rivolge sia ai singoli titolari di diritti sia alle piccole o grandi imprese che usano o hanno impiegato il sistema dei DMC in modo proficuo durante il loro percorso professionale.  

Ma cosa si intende per disegni e modelli?

Quando parliamo di disegno o modello ci riferiamo all’aspetto dell’intero prodotto, o di una sua parte, così come risulta dalle caratteristiche di contorni, linee, colori, forma, struttura superficiale  dei materiali del prodotto stesso e del suo ornamento.

Si tratta di un importante strumento innovativo che consente all’impresa di rendere più appetibili i propri prodotti sul mercato attraverso l’aspetto estetico e di diventare così competitive a livello mondiale.

I dati confermano la capacità di disegni e modelli di generare utile: nell'Unione europea il 12 % di tutti i posti di lavoro e quasi il 13 % del PIL sono prodotti dalle industrie ad alta intensità di disegni e modelli.

I Premi sono incentrati sul disegno o modello comunitario registrato in quanto tale e intendono riconoscere l’effetto positivo che i progettisti di talento possono avere sull'intera industria, poiché con le loro intuizioni plasmano il mondo che ci circonda.

Più che un mero diritto di proprietà intellettuale, difatti, il DMC segna il passaggio dalla progettazione alla produzione, dall’idea alla risorsa aziendale.

Quali sono le categorie in concorso? 

  • Premio all’industria, destinato alle imprese con più di 50 dipendenti e/o 10 milioni di EUR di fatturato / 10 milioni di EUR di bilancio totale
  • Piccole imprese e imprese emergenti, destinato alle imprese con meno di 50 dipendenti e meno di 10 milioni di euro di fatturato / 10 milioni di EUR di bilancio totale e sono state costituite dopo il 1° gennaio 2013, a prescindere dalle dimensioni
  • Premio speciale alla carriera, un riconoscimento all'opera di progettisti noti per l'eccellenza nel design e la creazione di opere con valore estetico che hanno avuto un impatto chiaro e dimostrabile sul mercato.

 .. E i criteri di giudizio adottati? 

I disegni e modelli presentati saranno giudicati da personaggi di spicco nelle rispettive sfere di specializzazione sulla base di:

  • Interesse visivo e valore estetico
  • Impatto dimostrabile sul mercato
  • Efficacia del marketing e della gestione del disegno o modello e di altri diritti di proprietà intellettuale.

Come e quando candidarsi?

Il bando è aperto fino al 15 luglio 2016. Le candidature possono essere presentate dagli stessi titolari dei DMC attraverso il modulo online o da terzi tramite il modulo di nomina.
La giuria procederà poi a selezionare quattro finalisti sia nella categoria dell'industria sia in quella delle imprese piccole ed emergenti.

I finalisti verranno decretati il 15 ottobre 2016 attraverso il sito web e i canali social dell'UAMI e inseriti nelle pubblicazioni ufficiali dei premi.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 30 novembre 2016 a Milano, una delle capitali europee del design, proprio a sottolineare la sua rilevanza sulla scena dell’innovazione italiana.
Nel corso dell’evento saranno annunciati i vincitori, insieme al vincitore del premio alla carriera.
I vincitori di tutte le categorie riceveranno un trofeo e compariranno in materiale promozionale e destinato alla stampa dopo la cerimonia.

 

Per saperne di più consulta la Sezione premi DesignEuropa del sito UAMI 

 


Copia il contenuto: Stampa il contenuto: