provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Economia circolare, 11 tappe per promuovere la sostenibilità

L’economia circolare è l’unica soluzione possibile per garantire una crescita sostenibile, in armonia con la natura e a basse emissioni di CO2. È chiaro, infatti, che il modello lineare di crescita economica seguito nel passato non è più adatto alle esigenze delle società moderne.

Con il nuovo pacchetto sull’economia circolare l’Europa sta decidendo il futuro delle imprese per i prossimi decenni. L’obiettivo è quello di promuovere la transizione dell'Europa verso un nuovo modello di sviluppo che darà impulso alla competitività globale, sosterrà la crescita economica e genererà nuova occupazione.

Si tratta di una svolta epocale per l’ambiente, la salute dei cittadini e l’economia più in generale.

Treno Verde 2017, “Ogni fine è un nuovo inizio”

Intorno al tema dell’economia circolare ruota la 29° edizione di Treno Verde, la campagna itinerante promossa da Legambiente e da Ferrovie dello Stato Italiane, con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare.

Fino al 31 marzo il convoglio ambientalista attraverserà il Paese per raccontare in 11 tappe, da Catania a Milano, questa nuova economia, promuovere la sostenibilità che parte dal basso, diffondere l’informazione scientifica e dare voce ai tanti protagonisti (aziende, start-up, istituzioni, associazioni e territori) che già percorrono questa strada.  

Il motto del Treno Verde 2017 è “Ogni fine è un nuovo inizio”, a sottolineare la specificità di questo modello di sviluppo che a differenza dell’economia lineare, dà vita a un processo di autogenerazione in cui i rifiuti e l'uso delle risorse sono minimizzati e le risorse mantenute nell'economia quando un prodotto ha raggiunto la fine del suo ciclo vitale, al fine di riutilizzarlo più volte e creare ulteriore valore. Le attività sono organizzate in modo che i rifiuti di qualcuno diventino risorse per qualcun altro.

Un’economia che fa bene al Paese

Questo modello può creare posti di lavoro sicuri in Europa, promuovere innovazioni che conferiscano un vantaggio competitivo e un livello di protezione per le persone e l'ambiente.

Lo dimostrano i dati diffusi dalla Commissione Europea: entro il 2030 sono stimati 580 mila posti di lavoro stimati in Europa. In termini di risparmio annuo, si tratta di 72 miliardi di euro per le imprese europee grazie ad una riduzione delle importazioni di materie prime. Sul versante occupazionale nel nostro Paese possono essere creati almeno 190 mila nuovi posti di lavoro.  

In Italia ci cono già esempi virtuosi di economia circolare

Tante realtà italiane hanno già investito e scommesso su un nuovo modello produttivo: c’è chi si impegna per promuovere il riciclo dei materiali di imballaggio provenienti dalla raccolta differenziata, dando nuova vita ai rifiuti; chi recupera tonnellate di pneumatici fuori uso trasformandoli in gomma riciclata da usare per superfici sportive o isolanti acustici o chi riutilizza gli imballaggi di acciaio (barattoli, scatolette, lattine, provenienti dalla raccolta differenziata).

Il manifesto dell’economia circolare

A bordo del Treno Verde, sulla prima carrozza, è possibile sottoscrivere il Manifesto dell’economia circolare che richiede alle Istituzioni europee un quadro di norme preciso e ambizioso sull’economia circolare. Obiettivo del convoglio ambientalista sarà anche quello di portare a Bruxelles, dove è in corso la discussione per l’approvazione del pacchetto europeo sull’economia circolare, le esperienze più rappresentative presentate a bordo, per far conoscere le tante eccellenze che hanno scommesso su questo nuovo modello di sviluppo economico.

L’appuntamento sarà il 24 aprile con una tappa speciale a Bruxelles insieme ai 100 Campioni dell’economia circolare.

La mostra didattica e interattiva

Nella prima carrozza, nominata “La linea retta”, si esaminano gli impatti dell’economia lineare e i vantaggi dell’economia circolare con un focus specifico sul pacchetto di misure dedicato. A bordo è anche possibile sottoscrivere il Manifesto.

“Quelli che chiudono il cerchio” è il nome scelto per la seconda carrozza dedicata ai “Campioni dell’economia circolare” per ambito tematico: rifiuti (riciclo, recupero, gestione), industria, energia, edilizia, design, spazio laboratori, agricoltura, spreco alimentare, amministrazioni pubbliche, start Up e ricerca.  

La terza carrozza “Il cerchio perfetto del riciclo” è dedicata interamente a Ecopneus, una delle best practice a livello nazionale ed europeo in prima linea nel recupero e riciclo dei pneumatici fuori uso. 

L’ultima carrozza “Cittadinanza circolare: riparo e condivido” offre invece una sorta di vademecum pratico di “cosa posso fare io” per consumare meno e meglio e orientare i processi produttivi verso l’economia circolare. Troveranno spazio anche le migliori esperienze di riuso nate dal basso, le varie conferenze, i laboratori, gli aperitivi e le attività pomeridiane.

Un contest dal titolo “Ci muoviamo per l’ambiente

Raccogliere idee, spunti e progetti per migliorare la raccolta differenziata dei rifiuti anche nelle stazioni e a bordo treno: è l’obiettivo della Call for ideas dal titolo “Ci muoviamo per l’ambiente”, riservata ai giovani dai 18 ai 30 anni, promossa da Legambiente e FS italiane.

Al vincitore del contest Trenitalia offrirà un anno di viaggi nella regione di residenza.

Per partecipare è sufficiente consegnare un elaborato, cartaceo o digitale, a bordo del Treno Verde durante le varie tappe.  

Vuoi conoscere le prossime tappe in calendario?

Potenza Centrale (3-4marzo), Bari Centrale (6-7marzo), Salerno (9-10-11 marzo), Pescara Centrale (13-14 marzo), Foligno (16-17-18 marzo), Bologna Centrale (20-21 marzo), Vicenza (23-24 marzo), Asti (26-27-28 marzo) e Milano Porta Garibaldi (30-31 marzo).

Il Treno Verde e la mostra saranno aperti dalle 8,30 alle 14.00 per le scuole prenotate dalle 16,00 alle 19,00 per il pubblico. La domenica sarà visitabile dalle 10,00 alle 13,00. L’ingresso è gratuito.  

 

Per saperne di più sull’economia circolare consulta il primo piano di Cliclavoro!

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: