provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

"Io penso circolare", un premio per startup green

Fin dai primi anni 70, l’umanità ha richiesto più di quanto il nostro pianeta possa offrire in modo sostenibile. A sottolinearlo è il “Living Planet Report 2016”, il rapporto biennale del WWF che fa il punto sullo stato dei sistemi naturali della Terra e le soluzioni da avviare per condurre le nostre società verso la sostenibilità. 

Le analisi del WWF non sono incoraggianti: nel corso del 2012, per fornire le risorse e i servizi che l’umanità ha consumato in quell’anno, è stata necessaria una biocapacità equivalente a 1,6 Terre. Gli effetti di questo “sorpasso” sono già lampanti: gli habitat e le specie viventi sono in declino, mentre il carbonio nell’atmosfera si sta accumulando.

Infatti solo per un breve periodo si può pescare più pesce di quanto gli oceani possano ripristinare, tagliare gli alberi più velocemente del tempo necessario alla loro rinascita o emettere più carbonio nell’atmosfera di quanto gli oceani e le foreste possano assimilare.

L’uso efficiente delle materie prime diventa dunque una delle sfide cruciali del nostro tempo. Nella strategia Europea 2020, infatti, le politiche legate al risparmio e al riciclo sono fondamentali, in quanto la difesa della natura e la riduzione dello sfruttamento e dell’obsolescenza predeterminata dei prodotti possono avere un impatto positivo sulla crescita dell’occupazione. È proprio nell’ “economia circolareche questa logica si spiega meglio: un modello produttivo basato sul concetto che il rifiuto possa essere trasformato in una risorsa.

Ma come riutilizzare al meglio quello che scartiamo e che invece potrebbe avere nuova vita?

Con il tentativo di trovare delle risposte convincenti e innovative a questa sfida, la Stampa Tuttogreen, magazine dedicato ai temi dell’ambiente e della sostenibilità, con Aquafil, azienda nel settore della fibra in nylon rigenerata, e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, hanno dato vita alla prima edizione del Premio “Io penso Circolare”.

Il concorso è aperto a tutte le startup nate dopo il 1 novembre 2014 e ai centri di ricerca pubblici che stiano lavorando per dare un contributo concreto al superamento della logica del “prendi, produci, usa e getta”.  

Al centro di ricerca vincitore andrà un premio di 3.000 euro, mentre la startup vincitrice riceverà una consulenza di 3 mesi del valore di 10.000 euro dalla società Life Cycle Engineering, per le analisi delle performance ambientali del progetto.

Tutti i dettagli e i requisiti per partecipare si trovano sul sito, dove è possibile inviare la candidatura entro il 12 marzo 2017La premiazione si terrà a Torino il 21 aprile 2017. I vincitori e i finalisti di entrambe le categorie saranno presentati e raccontati su lastampa.it e riceveranno una targa ufficiale.

 

Segui l’iniziativa anche sui canali social con l’hashtag #iopensocircolare. 

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: