provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Italy-China Science, Technology & Innovation Week 2016

Tra Cina e Italia esiste una storica amicizia per quanto riguarda gli scambi nel settore tecnologico. L'innovazione scientifica e tecnologica sono il focus dell’impegno profuso in questi anni dai due paesi. La partnership italo-cinese, inizia con un Piano triennale di azione congiunto, per rafforzare la cooperazione economica, stretto tra i due governi nel 2010. Nello stesso anno, il Ministero Cinese della Scienza e della Tecnologia e il Ministero della Pubblica Amministrazione e dell’Innovazione italiano, firmano un accordo quadro con il quale si rende stabile il modello di collaborazione tra le due nazioni. Dal 2013, Città della Scienza coordina sia il Sino-Italian Exchange Event che il China-Italy Innovation Forum, i due principali strumenti dell’internazionalizzazione nei rapporti fra i due Paesi. Oggi l’appuntamento è per il sesto forum Sino-italiano dedicato al tema fondamentale dell’innovazione.

Ma innovare di per sé non basta, creare idee e soluzione nuove deve avere un riscontro concreto nella realtà. Ecco perché innovare, in Cina si può tradurre anche con il termine “perseveranza”. Questa è la lezione che si ricava dal programma di collaborazione del “China–Italy Science, Technology & Innovation Week”.

Siamo oramai arrivati alla sesta edizione di quello che si può definire il più importante evento per rafforzare la cooperazione scientifica e accademica tra i due paesi.

Obiettivo dell’iniziativa è agevolare il confronto tra Italia e Cina sui temi dell’innovazione, della scienza e della tecnologia, per avviare o rinsaldare collaborazioni tecnologiche, produttive, commerciali. Il Forum sarà gestito da Città della Scienza di Napoli, e rappresenta un evento unico, poiché la Cina non ha mai intrapreso iniziative simili con altri paesi. Inoltre, negli anni si è arrivati a definire una piattaforma di cooperazione permanente e una rete nazionale che hanno permesso di concludere centinaia di partnership.

Ad aprire l’evento del 2016 a Napoli, sarà il ministro per la Scienza e Tecnologia cinese Wan Gang Grandi, accolto dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Al tavolo, anche il rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi e quello de L’Orientale Elda Morlicchio.

La Campania vanta un primato in Italia, per quanto riguarda il campo dell’innovazione, questo il motivo per cui è stata scelta come sede per l’evento Italy-China Science, Technology & Innovation Week.

La cooperazione tra i due paesi, nel campo della ricerca scientifica e dell’innovazione, ha un ruolo cruciale oggi, per rilanciare l’economia del nostro paese. Importante è soprattutto aprire nuove collaborazioni nei settori in cui l’Italia è all’avanguardia, tra questi sicuramente quello aerospaziale, il turismo, le tecnologie verdi e intelligenti. Dal confronto con il modello cinese è possibile trarre spunti notevoli, in particolare per quanto riguarda l’attenzione posta sul rinnovamento e lo sviluppo della scuola e dell’università. La Cina, da questo punto di vista, è in continua evoluzione e intende consolidare i suoi risultati, grazie anche al rafforzamento delle sue partnership internazionali. L’Italia si posizione molto bene, e può rappresentare per la Cina una porta aperta verso le scienze e le tecnologie occidentali.

Ad accomunare i due paesi è la consapevolezza e la volontà di dimostrare che l’innovazione tecnologica è un elemento centrale per rendere le aziende sempre più competitive sul mercato e per lo sviluppo sostenibile. La distanza tra i due paesi sembra enorme, ma il momento è ricco di opportunità, perché tante cose nuove, una volta create, abbiano davvero un impatto decisivo.

Ripercorrendo le tappe della partnership italo-cinese, dal 2010 ad oggi, si può dire che nella cittadella scientifica di Bagnoli la presenza cinese è oramai consolidata, esiste infatti uno spazio in cui ricercatori, innovatori e imprenditori, con il desiderio di intraprendere attività di cooperazione con partner cinesi, possono avvalersi del supporto di uno staff qualificato. Dopo dieci anni di impegno di Città della Scienza e delle istituzioni italiane, a Napoli la Cina è ormai di casa. Si attende ora l’avvio della sesta edizione di questo importante evento.

Quest’anno la giornata principale si svolgerà a Napoli il 27 Ottobre, mentre saranno organizzati due focus territoriali: il primo a Bergamo il 25 ottobre sui temi della Smart Manufacturing e dell’e-health e il secondo a Bologna il 26 ottobre sul tema dell’Agrifood. Tre giorni interamente dedicati alle attività di scambio in ambito scientifico e tecnologico tra gli operatori dei due Paesi, finalizzata a promuovere un confronto tra Italia e Cina sui temi dell’innovazione, della scienza e della tecnologia, per costruire partenariati tecnologici, produttivi e commerciali.

L’evento è promosso dal MIUR e coordinato da Città della Scienza in collaborazione con il CNR, Confindustria, l’Alma Mater Studiorum Università di Bologna, l’Università degli Studi di Bergamo e le principali realtà accademiche e di ricerca attive nel settore della scienza, della tecnologia e dell’innovazione.

È aperta la call per partecipare alla Italy-China Science, Technology & Innovation Week 2016, la data di scadenza è il 29 luglio.

 

 

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: