provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

SPIN e IHM Acceleration, i programmi a sostegno delle realtà innovative

Lo sviluppo imprenditoriale nelle Regioni del Sud Italia è da sempre considerato un fattore di crescita, da promuovere e sostenere, perché oltre a garantire la via dell’autoimprenditorialità per molti giovani, permette di avere ricadute occupazionali importanti sul territorio.

Per questo nasce SPIN - Scaleup Program Invitalia Network – il programma di Invitalia dedicato allo sviluppo imprenditoriale di PMI innovative, startup innovative e spin-off universitari con sede operativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico, in attuazione del PON Imprese e Competitività 2014-2020, è realizzato in partnership con ELITE, società del gruppo London Stock Exchange, che sostiene attraverso iniziative di formazione e tutoraggio le imprese e le avvicina ai mercati di capitali e al mondo dell’open innovation. Per la prima volta, grazie al programma, si potrà quindi usufruire dei servizi ELITE.

L’obiettivo di Scaleup Program Invitalia Network è quello di favorire lo sviluppo delle competenze essenziali per la crescita delle nuove imprese innovative e l’incontro tra grandi imprese e realtà innovative delle Regioni coinvolte. Oltre a questo, il programma permette di confrontarsi con investitori e corporate sempre alla ricerca di opportunità di business e occasioni di investimento in nuove realtà, offrendo opportunità concrete di crescita.

Tra i requisiti richiesti per partecipare:

  • le startup innovative devono essere iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese;
  • le PMI devono essere costituite in data non antecedente il 1° gennaio 2012 con iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese;
  • gli spin-off universitari devono essere costituiti in data non antecedente il 1° gennaio 2012.

Come si articola il programma? SPIN è suddiviso in due fasi.
Nella prima, le 250 imprese parteciperanno a un programma di sviluppo imprenditoriale digitale, con l’assegnazione di un tutor, l’accesso ad una piattaforma di servizi, l’utilizzo di un tool di self-assessment, un report sul posizionamento competitivo, l’accesso a iniziative di networking e di Open Innovation.
Mentre nella seconda fase verranno selezionate da Invitalia le 50 migliori imprese che parteciperanno a un’edizione avanzata del programma ELITE, con un percorso di alta formazione orientato alla crescita, all’open innovation e al funding.

Chi è interessato può partecipare inviando la domanda entro le ore 12 del 7 novembre 2019.

Un’altra call attiva al momento, dopo il successo delle tre edizioni precedenti, è IHM Acceleration 2019, il programma di accelerazione indirizzato a startup ad impatto sociale, culturale e ambientale. Il progetto è stato lanciato da Impact Hub Milano, l’incubatore certificato di startup che fa parte di un network globale con più di 100 location in tutto il mondo dedicate al sostegno delle startup.
Le realtà che verranno selezionate avranno la possibilità di accedere ad un percorso del valore complessivo di 300mila euro in seed money e servizi di accelerazione.
Per inviare la candidatura c’è tempo fino al 3 novembre 2019 e successivamente verranno selezionate dalle tre alle sei startup finaliste, che inizieranno il proprio percorso di accelerazione a partire all’evento di pitching, previsto per il 2 dicembre 2019.
La call è rivolta a tutte le realtà innovative che generano impatto in ambito ambientale, sociale, culturale, sport e salute.

L’impegno per sostenere imprese e startup innovative è costante, grazie all’attivazione di programmi e progetti come quelli descritti, ma  anche gli investimenti sono considerevoli: solo nei primi 9 mesi del 2019 sono aumentati raggiungendo 592 milioni di euro, rispetto all’anno precedente, che si è concluso con 307 milioni di euro. Anche le campagne di crowdfunding - secondo i dati di Startupitalia - sono aumentate e sono stati raccolti, attraverso le piattaforme di crowdfunding, più di 44 milioni solo nei 9 mesi del 2019 contro i 30 milioni di euro del 2018.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: