provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Sostenibilità ambientale, l'Europa investe nelle startup

Per dare una risposta concreta in materia di cambiamenti climatici, l’Europa ha presentato il testo del Green New Deal, il piano ambientale dell’Unione Europea, per sensibilizzare le istituzioni ad attuare “interventi ambiziosi per far fronte al cambiamento climatico e alle sfide ambientali, allo scopo di limitare il riscaldamento globale a 1,5º C ed evitare una perdita massiccia di biodiversità”.

L’impegno europeo è rivolto anche al mondo delle imprese che gradualmente dovranno convertire la loro produzione verso un sistema più ecosostenibile; in particolare l’ecosistema delle startup – proprio perché si affacciano per la prima volta al mercato del lavoro - riveste un ruolo molto importante sia per la scelta del tipo di attività sia per il coinvolgimento di persone che spesso hanno una giovane età e quindi rappresentano il futuro.

Per questo motivo, nascono iniziative e programmi che intendono sostenere le attività imprenditoriali e mirano ad aiutarle in questa sfida ambientale. Come ad esempio quelli attivati dall’Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT, European Institute of innovation and technology), l’organismo creato dall'Unione europea nel 2008 per rafforzare la capacità d'innovazione dell'Europa. L’Istituto – proprio per sensibilizzare le imprese sui temi della sostenibilità ambientale - ha indetto un bando per finanziare progetti che promuovano e sviluppino l’efficienza energetica. Si tratta di un programma di accelerazione, Cleantech  Camp, indirizzato a tutte le startup dei Paesi dell’Unione europea che vogliano sviluppare progetti di business nel settore delle energie pulite, come ad esempio applicazioni “clean” & “green” nel settore della trasformazione energetica.

Promossa da EIT InnoEnergy, Naturgy, Enagás, CRH, Prio, Barcelona Activa e il Comune di Lisbona, il bando si rivolge a candidati e imprenditori di tutta Europa e si pone l'obiettivo di trasformare i progetti in realtà imprenditorialiLe aree tematiche di interesse sono:

  • biogas e idrogeno
  • economia circolare
  • efficienza energetica
  • IoT e AI energy
  • energie rinnovabili
  • smart cities
  • smart factory
  • smart grids
  • mobilità elettrica

Il programma - che si svolgerà a Barcellona, Madrid e Lisbona da marzo a giugno - selezionerà fino a 15 progetti pilota. Prevede per tutti formazione, workshop specializzati condotti da esperti del settore e eventi di networking. Ai vincitori premi in denaro e il finanziamento dei progetti per un valore di oltre 150.000 euro. Per partecipare c’è tempo fino al primo marzo 2020.

Cleantech  Camp non è l’unica iniziativa. In occasione della Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare celebrata il 5 febbraio, sono stati resi noti i programmi europei contro lo spreco. Per promuovere un'economia circolare basata su un sistema alimentare equo e rispettoso dell'ambiente, la Commissione UE ha stanziato, nell'ambito del programma di lavoro 2020 per la promozione dell'agrifood UE, quasi 200 milioni di euro per finanziare azioni di informazione e di promozione riguardanti i prodotti agricoli realizzate nel mercato interno e nei paesi terzi.

Inoltre, sempre per rimarcare il ruolo importante che hanno le startup innovative nel ridurre gli sprechi, è stata avviata l’iniziativa EIT Food Accelerator Network, il programma internazionale di accelerazione per startup del settore agrifood. Il programma, sempre lanciato dallo EIT, sostiene progetti “intelligenti” contro lo spreco del cibo. Fornisce gli strumenti, le conoscenze e il mentoring per aumentare la visibilità di una piccola realtà imprenditoriale. Gli ambiti d'interesse del progetto sono l'agricoltura intelligente, le soluzioni di imballaggio sostenibili, le innovazioni che affrontano lo spreco alimentare.

Possono partecipare al bando, che scade il prossimo 10 marzo, tutte le startup che operano lungo l'intera catena del valore alimentare e che sono interessate ad intraprendere  un percorso di quattro mesi che si svolgerà in più città europee. Gli ambiti in cui agisce l’Istituto europeo di innovazione e tecnologia per sostenere le startup sono in ogni caso molto diversificati: si è da poco concluso infatti il programma EIT Health Headstart funding avviato per sostenere le startup innovative nel settore sanitario.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: