provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Tirocini nelle sedi diplomatiche all'estero

Laureandi che aspirano alla carriera diplomatica o a carriere internazionali avranno la possibilità di svolgere un tirocinio all’estero, dall'1 ottobre al 31 dicembre 2015. Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e la Fondazione CRUI (Conferenza dei rettori delle università italiane), ha firmato la convenzione che riattiverà il programma di tirocini curriculari presso le Rappresentanze diplomatiche italiane. Il tirocinio non costituisce un rapporto di lavoro, ma è “un'esperienza sul campo” finalizzata alla crescita personale e professionale mediante l'acquisizione di competenze specifiche.   Il Programma scaturisce dalla collaborazione fra istituzioni tesa a valorizzare le giovani eccellenze. La collaborazione con il MIUR consentirà il cofinanziamento del Programma, la cui realizzazione sarà assicurata dalla Fondazione CRUI nel processo di selezione dei candidati più meritevoli. L'iniziativa è sostenuta dal Governo che ha stanziato un fondo dedicato per offrire ai giovani nuove opportunità formative. L’accordo prevede che fino a 400 studenti universitari potranno fare un’esperienza diretta alle attività delle Rappresentanze diplomatiche dell'Italia all'estero per la promozione della candidatura italiana al Consiglio di Sicurezza. I tirocinanti riceveranno borse di durata trimestrale e un contributo economico minimo pari a 400 euro mensili. È fondamentale la conoscenza delle lingue, i livelli di conoscenza possono variare in base alle singole sedi di destinazione. Anche gli orari e le mansioni variano da sede a sede e saranno concordati in loco con il tutor che affiancherà i selezionati. Generalmente il tirocinante viene chiamato a svolgere un orario d’ufficio, salvo restando una certa flessibilità in linea con gli orari del tutor. La Commissione europea ha riconosciuto da tempo l'importanza di facilitare e favorire le transizioni dei giovani dal mondo dell’istruzione al mercato del lavoro. Guardando al contesto italiano, è stato siglato il 24 gennaio 2013 l’Accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano sul documento relativo alle Linee Guida in materia di tirocini. Quest’ultime, previste dalla Legge 92/2012, stabiliscono gli standard minimi uniformi in tutta Italia delineando con maggiore chiarezza i contorni della materia al fine di evitare un uso distorto e illegittimo. Il percorso formativo gioca un ruolo molto importante nel determinare le probabilità di occupazione dei giovani che si trovano, molto spesso, impreparati ad affrontare le nuove sfide in uno scenario di competitività internazionale. Per consultare il bando, si rimanda al sito della Fondazione Crui   Comunicato stampa Università, firmata la Convenzione Maeci-Miur-Fondazione Crui per i tirocini presso le Rappresentanze diplomatiche italiane

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: