Trend & Interviste

Tirocini e Dottorati nella PA, partono le iniziative del Pnrr sulla formazione

Vengono attivati dottorati di ricerca e tirocini curricolari retribuiti da svolgere presso la Pubblica amministrazione

16 giu 2022
3 minuti di lettura

Il Piano di ripresa e resilienza è un’occasione irripetibile per risollevare il Paese e cercare di colmare alcuni gap necessari a raggiungere il livello di altri paesi europei, ad esempio in materia di innovazione e formazione. Stanziare fondi per la formazione, in particolare, è una esigenza imprescindibile per portare il Paese a un alto livello di istruzione e renderlo competitivo nel mondo. Il nostro sistema di istruzione possiede già un alto valore qualitativo da tutti ben riconosciuto, ed è per questo che occorre investire ancor di più sulle nostre risorse per mettere a frutto la nostra conoscenza. In piena coerenza con i pilastri del Next Generation EU, le risorse stanziate nel Pnrr sono pari a 191,5 miliardi di euro, ripartite in sei missioni: quella dedicata all’istruzione e alla ricerca è pari a 30,88 miliardi. Per finanziare ulteriori interventi il Governo italiano ha approvato un Fondo complementare con risorse pari a 30,6 miliardi di euro.

Finanziamenti importanti che cominciano a prendere forma in iniziative concrete. Come la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo dei progetti “Tirocinio inPA” e “Dottorato inPA”, che possono così prendere concretamente avvio: le iniziative sono infatti previste nell’ambito delle riforme inserite nel Pnrr. Si tratta di tirocini e dottorati di ricerca retribuiti nella Pubblica Amministrazione. I progetti costituiscono iniziative di formazione e lavoro mirate a favorire l’acquisizione di competenze base e trasversali, finalizzate anche all’orientamento professionale degli studenti universitari.

Questi progetti rientrano nella volontà di innovare il comparto pubblico favorendo l’inserimento di giovani nuove risorse, adeguatamente formate. Da parte dei giovani, invece, vi è l’opportunità di entrare in contatto con un contesto lavorativo particolare come quello pubblico, che ha caratteristiche peculiari, di conoscerlo a fondo acquisendo le giuste competenze per un futuro inserimento lavorativo.

Tirocinio inPA

Vengono attivati tirocini curricolari semestrali, da svolgere presso la Pubblica amministrazione, in presenza, finalizzati alla stesura della tesi di laurea; si rivolge a studenti con età inferiore a ventotto anni e media voto non inferiore a 28/30, iscritti ai corsi di laurea magistrale e magistrale a ciclo unico (in possesso, rispettivamente, del 30 e del 70% dei crediti formativi del piano di studi).

I tirocini verranno retribuiti, nel progetto infatti è prevista un’indennità economica. Il Dipartimento della Funzione pubblica, in collaborazione con Formez e la Scuola nazionale dell’amministrazione, pubblicherà un avviso rivolto alle PA con l’importo delle indennità, le modalità di selezione dei progetti e le modalità di selezione dei tirocinanti.

Dottorato inPA

Per i giovani già in possesso di laurea magistrale, vi è la possibilità di fare un dottorato presso le strutture della pubblica amministrazione. Saranno istituite fino a 20 borse di dottorato all’anno, per un totale di 30.000 euro lordi, in materie di interesse della PA. Potranno partecipare i soggetti in possesso di laurea magistrale, con voto non inferiore a 105/110 ed età non superiore a 29 anni. L’ammissione al programma e la stipula del contratto di apprendistato sono in ogni caso subordinate al superamento delle prove di ammissione al corso di dottorato dell’ateneo che sarà partner del progetto.
Il Dipartimento della Funzione pubblica, in collaborazione con la Scuola nazionale dell’amministrazione, pubblicherà un avviso con l’importo delle indennità, le modalità di selezione dei progetti e le modalità di selezione dei tirocinanti.

Leggi anche
$content.image.resourceAlt
4 feb 2022
Diritto delle tecnologie digitali, formazione a Padova
Apri
News
3 ago 2021
Il rilancio dell'occupazione femminile nel PNRR
21 giu 2021
Dall’agricoltura al digitale per il rilancio dell’occupazione giovanile