ClicLavoro News & Eventi

Tutti gli ultimi aggiornamenti, le opportunità d'impiego e di formazione gratuita, gli incentivi e le novità dal mondo del lavoro
News

Decreto Lavoro 2023: in Gazzetta Ufficiale le nuove misure

10 lug 2023 ore 17:00

Il Decreto Lavoro è stato convertito con modificazioni nella legge 3 luglio 2023, n. 85, recante "Misure urgenti per l'inclusione sociale e l'accesso al mondo del lavoro". Il provvedimento mira, infatti, alla semplificazione dell’accesso al mercato del lavoro, con detassazioni, esoneri contributivi e incentivi. Inoltre, tra le novità più significative vi sono l’introduzione dell'Assegno di inclusione e le misure di politiche attive per la formazione, la riqualificazione professionale, l’orientamento e l’accompagnamento al lavoro.

Di seguito, nel dettaglio, le principali misure in favore di lavoratori, imprese e famiglie: 

  • introduzione dell'Assegno di inclusione: dal 1° gennaio 2024, si tratta di una misura di contrasto alla povertà, alla fragilità e all'esclusione sociale delle fasce deboli mediante percorsi di inserimento sociale, formazione, lavoro e politica attiva del lavoro. La misura è condizionata alla prova dei redditi e all'adesione a un percorso personalizzato di attivazione e inclusione sociale e lavorativa;
  • Supporto per la formazione e il lavoro: dal 1° settembre 2023, la misura riguarda i componenti fra i 18 e i 59 anni di nuclei familiari con ISEE non superiore a 6.000 euro, che non hanno i requisiti per accedere all'Assegno di inclusione e partecipano a progetti di formazione, di qualificazione e riqualificazione professionale, di orientamento, di accompagnamento al lavoro e di politiche attive del lavoro;
  • semplificazione dell'utilizzo dei contratti a termine, con riorganizzazione delle causali necessarie per la stipula di contratti fra i 12 ed i 24 mesi e per proroga e rinnovo dei contratti oltre i 12 mesi;
  • incentivazione dell'utilizzo dei contratti di somministrazione di lavoro a tempo indeterminato, con esclusione dai limiti quantitativi dei lavoratori somministrati assunti con contratto di apprendistato ed esenzione dai limiti quantitativi della somministrazione a tempo indeterminato di lavoratori in "ex mobilità", soggetti disoccupati che godono da almeno sei mesi di trattamenti di disoccupazione non agricola o di ammortizzatori sociali e lavoratori svantaggiati o molto svantaggiati;
  • proroga al 2024 dei contratti di espansione al fine di incentivare la staffetta generazionale;
  • stralcio dei debiti contributivi per i soggetti iscritti alle gestioni artigiani e commercianti, lavoratori autonomi agricoli, committenti e professionisti iscritti alla gestione separata dell'INPS, per i quali sono stati annullati i debiti contributivi delle cartelle esattoriali fino a 1.000 euro;
  • incentivi per l'assunzione di percettori di Assegno di inclusione, per l'occupazione giovanile, in particolare, per under 30, Neet e giovani registrati al Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani e per il lavoro dei disabili; 
  • incentivazione dell’uso delle Prestazioni Occasionali del settore turistico e termale. Il limite per ciascun utilizzatore sale da 10.000 a 15.000 euro annui e possono essere utilizzate da datori di lavoro che impieghino fino a 25 lavoratori subordinati a tempo indeterminato (e non 10, come per gli altri settori);
  • incremento del Fondo nuovo competenze grazie a fondi nazionali (Programma nazionale giovani, donne e lavoro) e comunitari (FSE+ e POC SPAO), per finanziare accordi sindacali sottoscritti a decorrere dal 2023 e favorire l’aggiornamento della professionalità dei lavoratori in relazione alla transizione digitale ed ecologica;
  • esonero parziale dei contributi a carico dei lavoratori (c.d. taglio del cuneo fiscale), per i periodi di paga da luglio a dicembre 2023, con riduzione della aliquota contributiva a carico dei lavoratori subordinati;
  • detassazione del lavoro straordinario e notturno svolto nei festivi per il settore turismo e termali, nella misura del 15% della retribuzione lorda dovuta;
  • detassazione delle misure di welfare, limitatamente al 2023, con elevazione sino a 3.000 euro (salendo rispetto agli attuali 258,23 euro annui) della soglia dei fringe benefits per i soli lavoratori dipendenti con figli a carico;
  • incremento, per l’anno 2023, di 5 milioni di euro del Fondo per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro;
  • introduzione di nuove disposizioni in materia di formazione, nomina del medico competente e poteri di vigilanza volte a rafforzare la sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • obbligo dell’applicazione della clausola sociale per il personale impiegato nei contact center;
  • previsione di una forma di Cassa Integrazione Guadagni in Deroga fino al 31 dicembre 2023 per le imprese che non siano riuscite a dare completa attuazione, nel corso del 2022, ai piani di riorganizzazione e ristrutturazione.

Per maggiori dettagli sulle misure introdotte, puoi consultare la sezione del sito istituzionale Lavoro.gov.it denominata "Nuove misure inclusione e accesso lavoro".

Leggi anche
$content.image.resourceAlt
26 feb 2024
Campania, corso gratuito di informatica per donne residenti
Apri
News
$content.image.resourceAlt
26 feb 2024
Biennale di Venezia, si cercano addetti al catalogo
Apri
News
$content.image.resourceAlt
23 feb 2024
Eurospin, assunzioni e stage in sede e nei punti vendita
Apri
News