I robot miglioreranno alcuni processi aziendali e le attività dei dipendenti

I lavoratori dovranno abituarsi alla presenza dei robot nei posti di lavoro. In Italia le persone hanno visioni diverse a riguardo, infatti secondo la ricerca …

23 apr 2019
1 minuti di lettura

​I lavoratori dovranno abituarsi alla presenza dei robot nei posti di lavoro. In Italia le persone hanno visioni diverse a riguardo, infatti secondo la ricerca "Intelligenza artificiale al lavoro" - condotta dalla Fondazione non profit Italo Foundation e presentata nei giorni scorsi nel corso del Forum organizzato dall'Associazione Italiana per l'Intelligenza Artificiale - su 1.000 persone intervistate 490 credono che i robot devono compiere soltanto compiti automatici. Le donne sembrano essere più diffidenti perché la maggior parte di loro teme che i rapporti diventino impersonali e non ci sia comunicazione tra colleghi.

I più aperti a questi cambiamenti sono i lavoratori del meridione. Secondo gli esperti della Fondazione è importante che le imprese abbiano una figura professionale come quella del digital transformation coach, che orienta in questo cambiamento i lavoratori delle aziende, superando la diffidenza iniziale. Inoltre sempre dalla ricerca è emerso che alcuni processi aziendali potrebbero migliorare se fatti gestire dall'intelligenza artificiale, come per esempio la sicurezza sul lavoro (la risposta del 36% dei lavoratori), la pianificazione turni (29%) e l'analisi di mercato e dei concorrenti (28%).

Leggi anche
19 giu 2018
Nestlé, campagna di prevenzione per la salute dei dipendenti
17 gen 2018
Il traduttore, una professione per gli amanti delle lingue e dei viaggi
26 gen 2018
Il colloquio di lavoro si farà con l'intelligenza artificiale