provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Age Management

Con l’espressione “Age Management” si intende una serie di iniziative in ambito aziendale dirette a valorizzare i punti di forza dei lavoratori in considerazione della loro età anagrafica, in un’ottica di integrazione di competenze delle diverse generazioni presenti in un ambiente di lavoro.

A livello europeo, prendendo atto del cambiamento demografico in corso, già nella strategia Europa 2020, considerata un’occupabilità pari al 75% per uomini e donne dai 20 ai 64 anni, si rilevava come l’obiettivo del 75% non potesse essere raggiunto se non a fronte di un aumento significativo del tasso di occupazione della fascia di età dei più anziani.

Di recente, nel Libro verde sull'invecchiamento demografico della Commissione Europea (COM(2021) 50 final del 27.1.2021) emergono dati secondo i quali, nonostante i recenti aumenti, il tasso di occupazione dei lavoratori più anziani nell'UE rimane inferiore alla media. Infatti, solo il 59,1% delle persone di età compresa tra i 55 e i 64 anni risultava occupato nel 2019 rispetto al 73,1% di tutte le persone di età compresa tra i 20 e i 64 anni. Si dà atto, inoltre, di come dopo i 50 anni aumenti il rischio di disoccupazione di lunga durata e della difficoltà per i lavoratori più anziani riguardo l'assunzione, l'accesso all'offerta formativa, le transizioni professionali e lo svolgimento di mansioni adattate all'età.

In quest’ottica, per le Istituzioni europee diventa preminente la prospettiva di un apprendimento permanente, ovvero investire nelle conoscenze, nelle capacità e nelle competenze delle persone lungo tutto l'arco della vita. In particolare, la formazione degli adulti contribuisce a migliorare l'occupabilità in un mondo del lavoro in continuo mutamento e, per altro verso, è parte della risposta alle sfide poste dall'invecchiamento della popolazione.

Pertanto, l’Adult Learning riveste un ruolo centrale per raggiungere gli obiettivi di crescita e di inclusione sociale.

Si segnala, infine, il Fondo Sociale Europeo quale principale strumento utilizzato dall’UE per sostenere l'occupazione tramite, in particolare, l’apprendimento di nuove competenze finalizzate anche al reinserimento nel mondo del lavoro.

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: