provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Agenzie per il lavoro

Le agenzie per il lavoro sono gli enti autorizzati dall'ANPAL a offrire i servizi relativi a domanda e offerta di lavoro (la disciplina è regolata dal d.lgs. del 10 settembre 2003, n. 276). Per operare devono iscriversi all’Albo informatico (previa autorizzazione rilasciata ai sensi dell'art. 4 d.lgs. 276/2003).
L'Albo è diviso in cinque sezioni in base alle tipologie d’appartenenza:

  • Agenzie di somministrazione di tipo"generalista". Svolgono attività di somministrazione di manodopera, di intermediazione, ricerca e selezione del personale, attività di supporto alla ricollocazione professionale (a loro è dedicata la prima sezione dell’Albo, ma di conseguenza rientrano anche nella terza, quarta e quinta sezione).
  • Agenzie di somministrazione di tipo "specialista". Sono elencate nella seconda sezione dell’Albo.
  • Agenzie di intermediazione. Offrono attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro: raccolta dei curricula, preselezione, promozione e gestione dell'incontro tra domanda e offerta, formazione (inserite nella terza sezione, questo tipo di agenzie sono iscritta automaticamente anche alla quarta e alla quinta). Per le attività di incontro domanda/offerta di lavoratori appartenenti alla categoria "gente di mare" è prevista una nuova sub-sezione 3.2 - intermediazione gente di mare.
  • Agenzie di ricerca e selezione del personale. Svolgono attività di consulenza finalizzata all’individuazione di candidature idonee a ricoprire posizioni lavorative su specifico incarico del committente (a loro è dedicata la quarta sezione dell’Albo).
  • Agenzie di supporto alla ricollocazione professionale. L'attività è effettuata su specifico incarico dell'organizzazione committente (sono iscritte alla quinta sezione).

Regimi particolari di autorizzazione
Vi rientrano: Università pubbliche e private; Fondazioni Universitarie; Comuni (singoli o associati); Comunità montane; Camere di Commercio; Istituti di Scuola Secondaria di Secondo grado; associazioni di datori e prestatori di lavoro; associazioni onlus che hanno per oggetto la tutela del lavoro, l'assistenza e la promozione delle attività imprenditoriali, la progettazione e l'erogazione di percorsi formativi e di alternanza, la tutela della disabilità; Enti bilaterali; Ordine Nazionale dei Consulenti del Lavoro; siti Internet ed ENPALS.
Per questi soggetti, inseriti all’interno della terza sezione dedicata all’intermediazione, si applica una disciplina specifica per il rilascio dell’autorizzazione ministeriale allo svolgimento dell’attività di intermediazione.

Autorizzazioni regionali
All’interno delle diverse sezioni (la 3, la 4 e la 5) sono inserite autorizzazioni di competenza regionale. L'agenzia di somministrazione di lavoro già iscritta e/o autorizzata in base alla legislazione vigente in un altro Stato membro dell'Unione Europea ed il cui provvedimento autorizzatorio sia equivalente a quello rilasciato in Italia, è tenuta presentare una mera richiesta di iscrizione presso l'Albo informatico (Interpello n.31/2014). Restano salve le disposizioni nazionali e comunitarie sulla somministrazione transnazionale ricostruite nella Circolare n.14/2015. La nota direttoriale del 6 luglio 2016 prot. n.39/10137 fornisce dei chiarimenti sul regime giuridico applicabile alle agenzie di lavoro in regime di somministrazione specialista, già iscritte all’albo delle agenzie per il lavoro, a seguito dell’entrata in vigore del D.lgs. 81/2015 che ha eliminato il sistema delle causali per la somministrazione a tempo indeterminato.

Se desideri diventare un operatore autorizzato, richiedi qui username e password per preaccreditarti all’Albo Informatico. Trova l’Agenzia per il lavoro più vicina a te con Cerca Sportello. Consulta l’Albo Per ulteriori chiarimenti consulta le FAQ relative alle Agenzie per il Lavoro.

Per alcuni soggetti pubblici e privati si applica una disciplina specifica per il rilascio dellautorizzazione ministeriale allo svolgimento dellattività di intermediazione.

I soggetti pubblici e privati interessati sono quelli previsti dall'art. 6 del D.Lgs. 276/03 come modificato dall'art.29 della legge n. 111 del 15 luglio 2011:

  • gli istituti di scuola secondaria di secondo grado, statali e paritari, a condizione che rendano pubblici e gratuitamente accessibili sui relativi siti istituzionali i curricula dei propri studenti all'ultimo anno di corso e fino ad almeno dodici mesi successivi alla data del conseguimento del titolo di studio;
  • le Università, pubbliche e private, e i consorzi universitari, a condizione che rendano pubblici e gratuitamente accessibili sui relativi siti istituzionali i curricula dei propri studenti dalla data di immatricolazione e fino ad almeno dodici mesi successivi alla data del conseguimento del titolo di studio;
  • i comuni, singoli o associati nelle forme delle unioni di comuni e delle comunità montane, e le camere di commercio;
  • le associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale anche per il tramite delle associazioni territoriali e delle società di servizi controllate;
  • i patronati, gli enti bilaterali e le associazioni senza fini di lucro che hanno per oggetto la tutela del lavoro, l'assistenza e la promozione delle attività imprenditoriali, la progettazione e l'erogazione di percorsi formativi e di alternanza, la tutela della disabilità;
  • i gestori di siti Internet, a condizione che svolgano la predetta attività senza finalità di lucro e che rendano pubblici sul sito medesimo i dati identificativi del legale rappresentante. 
  • ENPALS, Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo e dello sport professionistico, solo per i lavoratori dello spettacolo.

 Se vuoi accreditarti clicca qui

Copia il contenuto: Stampa il contenuto: