Trend & Interviste

Persone con disabilità, progetti e formazione per l’inserimento lavorativo

Sono numerose le iniziative a livello regionale per l’inclusione e l’ingresso nel mondo del lavoro, dai tirocini formativi ai contributi concessi alle imprese private

26 set 2023
4 minuti di lettura

Inserire le persone disabili nel mercato del lavoro oltre a essere un diritto e un dovere etico, è disciplinato dalla Legge 12 marzo 1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili". Tutele sancite dalla Legge a cui si affiancano iniziative e progetti a carattere regionale atti a creare una valida presa in carico delle persone con disabilità al fine di favorire il loro ingresso nel mondo del lavoro. Ad esempio, il progetto della Regione Marche è inserito nelle linee operative per il lavoro e la formazione 2023 e mira a formare la persona con disabilità mediante un periodo di apprendimento basato su esperienze in azienda o sulla formazione breve.

A favore del lavoratore disabile si configura un percorso lavorativo personalizzato e condiviso, “criterio imprescindibile per garantire la crescita e la tenuta degli inserimenti nel mercato del lavoro e quindi in linea con i principi base del collocamento mirato”.
Il progetto regionale prevede due aree di intervento: la prima riguarderà un servizio di scouting aziendale, che sarà affidato alle Agenzie private del lavoro, e la predisposizione di tirocini ad opera dei Centri per l’impiego; la seconda area di intervento prevede l’attivazione di un percorso mirato di formazione breve, attivabile su un’idea progettuale proposta da aziende di medio-grandi dimensioni che aderiscono al progetto, affinché la persona con disabilità acquisisca le necessarie conoscenze e competenze per ricoprire un determinato ruolo.
Percorsi che si traducono in opportunità concrete: da parte del datore di lavoro, in caso di eventuale assunzione al termine del tirocinio, è previsto un incentivo, mentre al termine dei percorsi formativi finanziati dalla Regione, i datori di lavoro sono obbligati ad effettuare inserimenti lavorativi per almeno il 50% dei partecipanti in caso di formazione collettiva e per il 100% in caso di formazione singola.

A proposito di tirocini, è attivo anche il bando di selezione pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, riservato a persone con disabilità, per l’attivazione di percorsi formativi e di orientamento della durata di 6 mesi.

Anche la Regione Piemonte ha investito sull’inclusione dei disabili in contesti socio-lavorativi. Ha stanziato 4 milioni di euro per sostenere progetti e interventi di qualità rivolti alle persone con disabilità, puntando alla collaborazione tra diverse realtà. Infatti, il bando, denominato "Progetti per l'inclusione socio-lavorativa delle persone con disabilità", è aperto a soggetti pubblici e privati con almeno una sede o un'unità operativa in Piemonte e incoraggia la sinergia tra diverse realtà con la possibilità di costituire raggruppamenti composti da agenzie accreditate per i servizi al lavoro, amministrazioni pubbliche ed enti del terzo settore. Possono partecipare ai progetti le persone disoccupate con disabilità medio-gravi di tipo psichico-intellettivo, psichico-mentale, sensoriale-visivo, sensoriale-uditivo, sensoriale-linguistico e fisico con percentuale superiore al 74%. Il bando offre un finanziamento massimo di 165mila euro per ogni progetto approvato.

Anche la Regione Lombardia ha approvato il rifinanziamento del bando relativo all'inclusione lavorativa con nuove risorse. Obiettivo: rendere accessibile e continuativa la dimensione del lavoro nell'ambito dei progetti di vita indipendente e inclusione delle persone con disabilità, ridurre e superare barriere di diversa natura che possono ostacolare la piena ed effettiva partecipazione nella società su base di uguaglianza con gli altri.

Infine, dal Fondo della Regione Toscana dedicato all’occupazione dei disabili arrivano 6 milioni di euro per sostenere l’occupazione e l’integrazione lavorativa di persone con disabilità.
Saranno erogati attraverso la concessione di contributi a imprese e datori di lavoro privati, che potranno partecipare ai diversi Avvisi pubblicati da Arti, l’Agenzia regionale toscana per l’impiego. Gli avvisi riguardano anche progetti e misure dirette all’inserimento di soggetti con disabilità di natura psichica. I contributi possono essere erogati per progetti di inserimento lavorativo e l’attivazione di tirocini, per l’adeguamento dei posti di lavoro e l’allestimento di tecnologie di telelavoro, l’abbattimento barriere architettoniche, per l’istituzione di un responsabile dell'inserimento lavorativo e per le spese sostenute per la creazione di posti di lavoro.

Leggi anche
$content.image.resourceAlt
22 dic 2023
Toscana, bonus assunzioni per soggetti con difficoltà di inserimento lavorativo
Apri
News
17 nov 2023
Inserimento lavorativo delle persone con disturbi dello spettro autistico, i progetti attivi in Italia
inclusione
16 feb 2022
Formazione e apprendimento: i progetti per l'inclusione sociale