Vivere viaggiando: alla scoperta del mestiere di accompagnatore turistico

Non tutti conoscono le specificità di questa professione e in molti la assimilano erroneamente a quella di guida turistica: l'accompagnatore turistico è un mes…

4 set 2015
2 minuti di lettura
Non tutti conoscono le specificità di questa professione e in molti la assimilano erroneamente a quella di guida turistica: l'accompagnatore turistico è un mestiere riconosciuto in Italia e per il quale è necessario ottenere un'abilitazione (distinta da quella per guida turistica ma cumulabile con essa) e rispettare i requisiti di qualificazione professionale stabiliti a livello regionale.
Per quanto riguarda l’attività professionale, la principale differenza con la guida sta nel fatto che questa rimane fissa in un luogo, mentre l’accompagnatore di viaggio si sposta con il gruppo di turisti seguendo percorsi e itinerari prestabiliti. La federazione italiana che informa e tutela gli interessi delle figure professionali legate all’accompagnamento turistico è la Federagit (nel sito potete trovare molte informazioni utili per intraprendere la carriera di guida turistica, accompagnatore turistico e interprete).
Oltre alla profonda conoscenza dei territori, delle culture e delle lingue, è necessario ottenere il patentino di riconoscimento specifico per la professione e seguire le eventuali indicazioni dettate dalle agenzie (nel caso in cui si collabori per esse) che organizzano grand tour in Italia e in tutto il mondo. 
Si tratta di un mestiere molto richiesto (anche se la concorrenza è elevata) e per cui è necessario avere una grande passione per il viaggio, forti capacità relazionali e altissima affidabilità, anche per far fronte agli imprevisti che possono sorgere nel corso dei tour.


Se vuoi approfondire i dettagli e i percorsi per svolgere una professione turistica, consulta la pagina dedicata su Cliclavoro!
Leggi anche
$content.image.resourceAlt
11 feb 2022
Seconda edizione del Premio “Maestro di Mestiere”
Apri
News
1 feb 2011
Come diventare animatore turistico
5 feb 2019
La filiera agroalimentare emiliana è alla ricerca di startup con idee innovative