provincia di: Tutte
Seguici su:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Incentivi

Agevolazioni economiche, normative e fiscali sono previste nel nostro sistema giuridico per incentivare le nuove assunzioni.

Sono previsti alleggerimenti del costo del lavoro per specifiche categorie di lavoratori e tipologie contrattuali (come indicato nel menù a sinistra), iniziative che supportano economicamente l’ingresso, il reinserimento e la stabilizzazione nel mondo del lavoro attraverso la riduzione o l’azzeramento degli oneri contributivi oppure tramite l’erogazione diretta di un contributo.

Con il Jobs Act in particolare si è voluta favorire la creazione di lavoro stabile mediante l’introduzione di agevolazioni contributive per le assunzioni a tempo indeterminato. La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto un’agevolazione contributiva di durata biennale, che riprende l’obiettivo di quello già previsto dalla Legge di Stabilità 2015 (Legge n.190/2014) ma si articola in maniera diversa, come descritto nella scheda dedicata.

Per avere una panoramica generale sugli incentivi all’occupazione - provvedimenti nazionali e regionali, bandi e opportunità – cittadini, aziende e operatori possono consultare le news oppure le sezioni Donne ed Over50 di Cliclavoro. Inoltre, il Sistema PASS è la piattaforma di Italia Lavoro creata per offrire una panoramica completa di tutti gli incentivi all’occupazione attuati sul territorio: provvedimenti nazionali, regionali e bandi degli enti locali.

Al fine di garantire una sistematica applicazione degli incentivi stessi, la Legge 92/2012 ha introdotto i principi generali che si devono necessariamnte rispettare per poter beneficiare delle agevolazioni alle assunzioni. Tali principi sono stati confermati anche nel Jobs Act con il Decreto Legislativo n.150/2015 nell’articolo 31.

Non si potrà ad esempio accedere all’incentivo  quando l'assunzione costituisce attuazione di un obbligo preesistente, stabilito da norme di legge o della contrattazione collettiva e ciò vale anche quando il lavoratore avente diritto all'assunzione viene assunto mediante contratto di somministrazione;  se l'assunzione viola il diritto di precedenza, stabilito dalla legge o dal contratto collettivo, alla riassunzione di un altro lavoratore licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine; se prima dell'utilizzo di un lavoratore mediante contratto di somministrazione, l'utilizzatore non abbia preventivamente offerto la riassunzione al lavoratore titolare di un diritto di precedenza per essere stato precedentemente licenziato da un rapporto a tempo indeterminato o cessato da un rapporto a termine; se il datore di lavoro o l'utilizzatore con contratto di somministrazione abbiano in atto sospensioni dal lavoro connesse ad una crisi o riorganizzazione aziendale, salvi i casi in cui l’assunzione, la trasformazione o la somministrazione siano finalizzate all’acquisizione di professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori sospesi oppure siano effettuate presso una diversa unità produttiva; se i lavoratori che siano stati licenziati, nei sei mesi precedenti, da un datore di lavoro che al momento del licenziamento presenti assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli del datore di lavoro che assume ovvero risulti con quest'ultimo in rapporto di collegamento o controllo; in caso di somministrazione tale condizione si applica anche all'utilizzatore; se l'inoltro tardivo delle comunicazioni telematiche obbligatorie inerenti all'instaurazione e alla modifica di un rapporto di lavoro o di somministrazione producono la perdita di quella parte dell'incentivo relativa al periodo compreso tra la decorrenza del rapporto agevolato e la data della tardiva comunicazione.

Ai fini della determinazione del diritto agli incentivi e della loro durata, si cumulano i periodi
 in cui il lavoratore ha prestato l'attività in favore dello stesso soggetto, a titolo di lavoro subordinato o in somministrazione di lavoro; non si cumulano le prestazioni in somministrazione effettuate dallo stesso lavoratore nei confronti di diversi utilizzatori, anche se fornite dalla medesima agenzia di somministrazione di lavoro, salvo che tra gli utilizzatori ricorrano assetti proprietari sostanzialmente coincidenti ovvero intercorrano rapporti di collegamento o controllo.

Per accedere ai benefici, le aziende devono essere in possesso del DURC, il documento unico di regolarità contributiva, da cui emerge se l’imprenditore è in regola o meno con gli obblighi previsti dalla legge e dai contratti collettivi di lavoro. Per entrare in possesso di queste informazioni, in modo più agevole e celere, si è proceduto a “smaterializzare” il DURC, con la possibilità di richiederlo in forma telematica. I soggetti interessati posso verificare, in tempo reale, la regolarità contributiva attraverso un’unica interrogazione all’INPS, all’INAIL e alle CASSE EDILI; le risultanze delle interrogazioni hanno validità di 120 giorni e sostituiscono, ad ogni effetto, il DURC.


Copia il contenuto: Stampa il contenuto: