provincia di: Tutte
Seguici:

Cerca sportello

più vicino a te per orientarti nel lavoro

Cittadini comunitari

I cittadini dell’Unione Europea che intendono soggiornare in Italia non sono soggetti alle disposizioni del Testo unico sull'immigrazione. In base al principio di libera circolazione ed al diritto di stabilimento, possono infatti, circolare e soggiornare liberamente nel territorio nazionale e svolgere ogni tipo di attività, sia autonoma, sia subordinata, applicando le stesse disposizioni valide per i cittadini italiani.

Se risiedono in Italia per un periodo superiore a 3 mesi devono, comunque, iscriversi all’anagrafe della popolazione residente (D.Lgs. n. 30/2007), presentando agli uffici del Comune in cui dimorano la richiesta di iscrizione anagrafica.
I cittadini comunitari dovranno, in tale sede, dichiarare il luogo in cui dimorano e presentare, oltre ad un valido documento d'identità, la documentazione attestante l’attività lavorativa, subordinata o autonoma, esercitata in Italia. Se soggiorno e iscrizione anagrafica sono richiesti a fini di studio o di formazione, dovranno presentare un documento che attesti l’iscrizione a un corso di studi e la titolarità di un’assicurazione sanitaria, oltre a dichiarare il possesso delle risorse economiche per il soggiorno.

In base al principio della libera circolazione, i cittadini comunitari per essere assunti devono avere un valido documento d’identità e il codice fiscale italiano che può essere richiesto personalmente all'ufficio territoriale competente dell'Agenzia delle Entrate esibendo il proprio documento di identità.



Copia il contenuto: Stampa il contenuto: